miércoles, 11 de abril de 2007

GVY: Devi Mahatmya English translation

The Devi Mahatmya is a collection of 700 Slokas on Sri Durga from Markanedeya Puraana: An English translation is given below
Navaratri is celebrated four times a year. They are Ashada Navaratri, the Sharada Navaratri, the Maha Navaratri and the Vasantha Navaratri. Of these, the Sharada Navaratri of the month of Puratashi and the Vasantha Navaratri of the Vasantha kala are very important. If you refer to the agni purana, then it is said that the Puratashi and Panguni (in Tamil months) i.e. Asvin and Chaitra are like the two jaws of Lord Yama. If one wants to escape the mouth of Yama, then one should celebrate Navaratri on these two occasions. A similar analogy is presented in the devi bhagavatam. Devi bhagavatam also talks in detail on how one should observe fasts, and how one should meditate/work on these days. According to legend, Durga sat on the tip of a needle for nine days, doing a severe penance to destroy the evil Asura Mahisha. On the first three days, she meditated as Herself, the next three days as Mahalakshmi and the last three days as Sarasvati. This signifies progression from tamsik, to rajasik to satvik and eventually obtaining liberation. The tenth day during Sharada Navaratri is called vijayadashami to signify the victory on the day of dashami. It is, however, a long tradition that one reads the devi-bhagavatam or the devi mahatmyam (Durga saptasati, 700 verses on Durga) during this period. Devi bhagavatam notes that Rama meditated and fasted for nine days after Sita was kidnapped by Ravana. There are numerous such incidents on how people's wishes were granted. The reading of Devi Maahaatmyam during Navaraatri is to be done follows \\ Based on emails from S. A. Bhandarkar and M. Giridhar \\
\\ Chapter 1 (Madhu Kaitabha samhaara) is to be read for 1st day,
\\ ch 2 thru 4 (Mahishasura samhaara) to be read on 2nd day,
\\ ch 5 and 6 (Dhuumralochana vadha) on the 3rd day,
\\ ch 7 (Chanda Munda vadha) on 4th day,
\\ ch 8(Rakta biija samhaara) on 5th day,
\\ ch 9 and 10 (Shumbha Nishumbha vadha) on 6th day,
\\ ch 11(Praise of Narayani) on 7th day,
\\ ch 12 (Phalastuti) on 8th day,
\\ ch 13 (Blessings to Suratha and the Merchant)on 9th day

CHAPTER 1: The slaying of Madhu and Kaitabha:
Meditation of Mahakali I resort to Mahakali, who has ten faces, ten legs and holds in her hands the sword, disc, mace, arrows, bow, club, spear, missile, human head and conch, who is three-eyed, adorned with ornaments on all her limbs, and luminous like a blue jewel, and whom Brahma extolled in order to destroy Madhu and Kaitabha, when Vishnu was in (mystic) sleep.
Markandeya said ( to his disciple Krasustuki Bhaguri):
1-3. Savarni, {Savarni was so called because he was the son of Savarna, Surya's wife. He became King Suratha in the second (Svarocisa) manvantara.} son of Surya, is called the eighth Manu. Listen , while I describe in detail about his birth, how Savarni, illustrious son of Surya, became the lord of the (eighth) Manvantara {One cycle of creation is divided into fourteen manvantaras. The period ruled over by one Manu is called a Manvantara. There are, therefore, fourteen Manus as follows: Svayambhuva, Svarocisa, Uttama, Tamasa, Raivata, Caksusa, Vaivasvata, Savarni, Daksha-savarni, Brahma-savarni, Dharma-savarni, Rudra-savarni, Deva-savarni, and Indra-savarni. } by the grace of Mahamaya {One of the names of the Divine Mother. }.
4-5. In former times there was a king named Suratha, born of the Chitra dynasty, ruling over the whole world in the period of Svarocisa. He protected his subjects duly like his own children. At that time the kings, who were the destroyers of the c, became his enemies.
6-7. He, the wielder of powerful weapons, fought a battle with the destroyers of Kolas, but was defeated by them though they were a small force. Then he returned to his own city, and ruled over his won country. Then that illustrious king was attacked by those powerful enemies.
8-9. Even in his own city, the king, (now) bereft of strength, was robbed of his treasury and army by his own powerful, vicious and evil-disposed ministers. Thereafter, deprived of this sovereignty, the king left alone on horse-back for a dense forest, under the pretext of hunting.
10-11. He saw there the hermitage of Medhas- the supreme among the twice-born - inhabited by wild animals which were peaceful, and graced by the disciples of the sage. Entertained by the sage, Suratha spent some time moving about in the hermitage of the great sage.
12-16. There then overcome with attachment, he fell into the thought, 'I do not know whether the capital (which was) well guarded by my ancestors and recently deserted by me is being guarded righteously or not by my servants of evil conduct. I do not know what enjoyments my chief elephant, heroic and always elated, and now fallen into the hands of my foes, will get. Those who were my constant followers and received favour, riches and food from me, now certainly pay homage to other kings. The treasure which I gathered with great care will be squandered by those constant spendthrifts, who are addicted to improper expenditures.'
17-19. The king was continually thinking of these and other things. Near the hermitage of the Brahamana he saw a merchant, and asked him: 'Ho! Who are you? What is the reason for your coming here? Wherefore do you appear as if afflicted with grief and depressed in mind?' Hearing this speech of the king, uttered in a friendly spirit, the merchant bowed respectfully and replied to the king. The merchant said:
20-25. 'I am a merchant named Samadhi, born in a wealthy family. I have been cast out by my sons and wife, who are wicked through greed of wealth. My wife and sons have misappropriated my riches, and made me devoid of wealth. Cast out by my trusted kinsmen, I have come to the forest grief-stricken. Dwelling here, I do not know anything as regards good of bad of my sons, kinsmen and wife. At present is welfare or ill-luck theirs at home? How are they? Are my sons living good or evil lives?' The king said:
26-28. 'Why is your mind affectionately attached to those covetous folk, your sons, wife and others, who have deprived you of your wealth?' The merchant said:
29-34. 'This very thought has occurred to me, just as you have uttered it. What can I do? My mind does not become hard; it bears deep affection to those very persons who have driven me out in their greed for wealth, abandoning love for a father and attachment to one's master and kinsmen. I do not comprehend although, I know it. O noble hearted king, how it is that the mind is prone to love even towards worthless kinsmen. On account of them I heave heavy sighs and feel dejected. What can I do since my mind does not become hard towards those unloving ones? Markandeya said:
35-38. Then O Brahmana, the merchant Samadhi and the noble king together approached the sage (Medhas); and after observing the etiquette worthy of him and as was proper, they sat down and conversed (with him ) on some topics. The king said:
39-45. 'Sir, I wish to ask you one thing. Be pleased to reply to it. Without the control of my intellect, my mind is afflicted with sorrow. Though I have lost the kingdom, like an ignorant man- though I know it- I have an attachment to all the paraphernalia of my kingdom. How is this, O best of sages? And this merchant has been disowned by this children, wife and servants, and forsaken by his own people; still he is inordinately affectionate towards them. Thus both he and I, drawn by attachment towards objects whose defects we do know, are exceedingly unhappy. How this happens, then, sir, that though we are aware of it, this delusion comes? This delusion besets me as well as him, blinded as we are in respect of discrimination.' The Rishi said:
46-49. Sir, every being has the knowledge of objects perceivable by the senses. And object of sense reaches it in various ways. Some beings are blind by day, and others are blind by night; some beings have equal sight both by day and night. Human beings are certainly endowed with knowledge, but they are not the only beings ( to be so endowed), for cattle, birds, animals and other creatures also cognize (objects of senses).
50-58. The knowledge that men have, birds and beasts too have; and what they have men also possess; and the rest (like eating and sleeping) is common to both of them. Look at these birds, which though they possess knowledge, and are themselves distressed by hunger are yet, because of the delusion, engaged in dropping grains into the beaks of their young ones. Human beings are, O tiger among men, attached to their children because of greed for return help. Do you not see this? Even so men are hurled into the whirlpool of attachment, the pit of delusion, through the power of Mahamaya ( the Great Illusion), who makes the existence of the world possible. Marvel not at this. this Mahamaya is the Yoganidra, of Vishnu, the Lord of the world. It is by her the world is deluded. Verily she, the Bhagavati, the Mahamaya forcibly drawing the minds of even the wise, throws them into delusion. She creates this entire universe, both moving and unmoving. It is she who, when propitious, becomes a boon-giver to human beings for their final liberation. She is the supreme knowledge, the cause of final liberation, and eternal; she is the cause of the bondage of transmigration and the sovereign over all lords. The king said:
59-62. 'Venerable sir, who is that Devi whom you call Mahamaya? How did she come into being, and what is her sphere of action, O Brahmana? What constitutes her nature? What is her form? Wherefrom did she originate? All that I wish to hear from you, O you supreme among the knowers of Brahman.' The Rishi said:
63-71. She is eternal, embodied as the universe. By her all this is pervaded. Nevertheless she incarnates in manifold ways; hear it from me. When she manifests herself in order to accomplish the purposes of the devas, she is said to be born in the world, though she is eternal. At the end of a kalpa when the universe was one ocean( with the waters of the deluge) and the adorable Lord Vishnu stretched out on Sesa and took the mystic slumber, tow terrible asuras, the well-known Madhu and Kaitabha, sprung into being from the dirt of Vishnu's ears, sought to slay Brahma; Brahma, the father of beings, was sitting in the lotus( that came out) from Vishnu's navel. Seeing these two fierce asuras and Janardhana asleep, and with a view to awakening Hari, (Brahma) with concentrated mind extolled Yoganidra, dwelling in Hari's eyes. The resplendent Lord Brahma extolled the incomparable Goddess of Vishnu, Yoganidra, the queen of cosmos, the supporter of the worlds, the cause of the sustentation and dissolution alike (of the universe).
72-74. Brahma said: 'You are Svaha and Svadha. You are verily the Vasatkara and embodiment of Svara. You are the nectar. O eternal and imperishable One, you are the embodiment of the threefold mantra. You are half a matra, though eternal. You are verily that which cannot be uttered specifically. You are Savitri and the supreme Mother of the devas.
75-77. 'By you this universe is borne, by you this world is created. By you it is protected, O Devi and you always consume it at the end. O you who are (always) of the form of the whole world, at the time of creation you are of the form of the creative force, at the time of sustentation you are of the form of the protective power, and at the time of the dissolution of the world, you are of the form of the destructive power. You are the supreme knowledge as well as the great nescience, the great intellect and contemplation, as also the great delusion, the great devi as also the great asuri.
78-81. ' You are the primordial cause of everything, bringing into force the three qualities. You are the dark night of periodic dissolution. You are the great night of final dissolution, and the terrible night of delusion. You are the goddess of good fortune, the ruler, modesty, intelligence characterized by knowledge, bashfulness, nourishment, contentment, tranquillity and forbearance. Armed with sword, spear, club, discus, conch , bow, arrows, slings and iron mace, you are terrible( and at the same time) you are pleasing, yea more pleasing than all the pleasing things and exceedingly beautiful. You are indeed the supreme Isvari, beyond the high and low.
82-87. 'And whatever of wherever a thing exists, conscient (real) or non-conscient (unreal), whatever power all that possesses is yourself. O you who are the soul of everything, how can I extol you (more than this)? By you, even he who creates, sustains and devours the world, is put to sleep. Who is here capable of extolling you? Who is capable of praising you, who have made all of us- Vishnu, myself and Shiva- take our embodied forms? O Devi, being lauded thus, bewitch these two unassailable asuras Madhu and Kaitabha with your superior powers. Let Vishnu, the Master of the world, be quickly awakened from sleep and rouse up his nature to slay these two great asuras.' The Rishi said:
88-95. There, the Devi of delusion extolled thus by Brahma, the creator, in order to awaken Vishnu for the destruction of Madhu and Kaitabha, drew herself out from His eyes, mouth, nostrils, arms, heart and breast, and appeared in the sight of Brahma of inscrutable birth. Janardana, Lord of the universe, quitted by her, rose up from His couch on the universal ocean, and saw those two evil(asuras), Madhu and Kaitabha, of exceeding heroism and power, with eyes red in anger, endeavoring to devour Brahma. Thereupon the all-pervading Bhagavan Vishnu got up and fought with the asuras for five thousand years, using his own arms as weapons. And they, frenzied with their exceeding power, and deluded by Mahamaya, exclaimed to Vishnu, ' Ask a boon from us.' Bhagavan (Vishnu) said:
96-98. 'If you are satisfied with me, you must both be slain by me now. What need is there of any other boon here? My choice is this much indeed.' The Rishi said:
99-101. Those two (asuras), thus bewitched (by Mahamaya), gazing then at the entire world turned into water, told Bhagavan, the lotus eyed One, 'Slay us at the spot where the earth is not flooded with water.' The Rishi said:
102-104. Saying 'Be it so', Bhagavan (Vishnu), the great wielder of conch, discus and mace, took them on His loins and there severed their heads with His discus. Thus she (Mahamaya) herself appeared when praised by Brahma. Now listen again the glory of this Devi. I tell you. Here ends the first chapter called 'The slaying of Madhu and Kaitabha' of Devi mahatmya in Markandeya purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 2: Slaughter of the armies of Mahisasura
Meditation of Mahalakshmi I resort to Mahalakshmi, the destroyer of Mahishasura, who is seated on the lotus, is of the complexion of coral and who holds in her (eighteen ) hands rosary, axe, mace, arrow, thunderbolt, lotus, bow, pitcher, rod, sakti, sword, shield, conch, bell, wine-cup, trident, noose and the discus Sudarsana. The Rishi said:
1-3. Of yore when Mahishasura was the lord of asuras and Indra the lord of devas, there was a war between the devas and asuras for a full hundred years. In that the army of the devas was vanquished by the valorous asuras. After conquering all the devas, Mahishasura became the lord of heaven( Indra).
4-5. Then the vanquished devas headed by Brahma, the lord of beings, went to the place where Siva and Vishnu were. The devas described to them in detail, as it had happened, the story of their defeat wrought by Mahishasura.
6-8. 'He (Mahishasura) himself has assumed the jurisdictions of Surya, Indra, Agni, Vayu, Chandra, Yama and Varuna and other (devas). Thrown out from heaven by that evil-natured Mahisha, the hosts of devas wander on the earth like mortals. All that has been done by the enemy of the devas, has been related to you both, and we have sought shelter under you both. May both of you be pleased to think out the means of his destruction.'
9. Having thus heard the words of the devas, Vishnu was angry and also Siva, and their faces became fierce with frowns.
10-11. The issued forth a great light from the face of Vishnu who was full of intense anger, and from that of Brahma and Siva too. From the bodies of Indra and other devas also sprang forth a very great light. And (all) this light united together.
12-13. The devas saw there a concentration of light like a mountain blazing excessively, pervading all the quarters with its flames. Then that unique light, produced from the bodies of all the devas, pervading the three worlds with its lustre, combined into one and became a female form.
14-15. By that which was Siva's light, her face came into being; by Yama's (light) her hair, by Vishnu's light her arms; and by Chandra's (light) her two breasts. By Indra's light her waist, by Varuna's (light) her shanks and thighs and by earth's light her hips.
16-18. By Brahma's light her feet came into being; by Surya's light her toes, by Vasus (light) her fingers, by Kubera's (light) her nose; by Prajapati's light her teeth came into being and similarly by Agni's light her three eyes were formed. The light of the two sandhyas became her eye-brows, the light of Vayu her ears; the manifestation of the lights of other devas too (contributed to the being of the ) auspicious Devi.
19. Then looking at her, who had come into being from the assembled lights of all the devas, the immortals who were oppressed by Mahishasura experienced joy.
20-21. The bearer of Pinaka (Siva) drawing forth a trident from his own trident presented it to her; and Vishnu bringing forth a discus out of his own discus gave her. Varuna gave her a conch, Agni a spear; and Maruta gave a bow as well as two quivers full of arrows.
22-23. Indra, lord of devas, bringing forth a thunderbolt out of (his own) thunderbolt and a bell from that of his elephant Airavata, gave her. Yama gave a staff from his own staff of Death and Varuna, the lord of waters, a noose; and Brahma, the lord of beings, gave a string of beads and a water-pot.
24. Surya bestowed his own rays on al the pores of her skin and Kala (Time) gave a spotless sword and a shield.
25-29. The milk-ocean gave a pure necklace, a pair of un-decaying garments, a divine crest-jewel, a pair of ear-rings, bracelets, a brilliant half-moon (ornament), armlets on all arms, a pair of shining anklets, a unique necklace and excellent rings on all the fingers. Visvakarman gave her a very brilliant axe, weapons of various forms and also an impenetrable armour. The ocean gave her a garland of unfading lotuses for her head and another for her breast, besides a very beautiful lotus in her hand. The (mountain) Himavat gave her a lion to ride on a various jewels.
30-33. The lord of wealth (Kubera) gave her a drinking cup, ever full of wine. Sesa, the lord of all serpents, who supports this earth, gave her a serpent-necklace bedecked with best jewels. Honoured likewise by other devas also with ornaments and weapons, she (the Devi) gave out a loud roar with a decrying laugh again and again. By her unending, exceedingly great, terrible roar the entire sky was filled, and there was great reverberation. All worlds shook, the seas trembled.
34-46. The earth quaked and all the mountains rocked. 'Victory to you,' exclaimed the devas in joy to her, the lion-rider. the sages, who bowed their bodies in devotion, extolled her. Seeing the three worlds agitated the foes of devas, mobilized all their armies and rose up together with uplifted weapons. Mahishasura, exclaiming in wrath, 'Ha! What is this?' rushed towards that roar, surrounded by innumerable asuras. Then he saw the Devi pervading the three worlds with her lustre. Making the earth bend with her footstep, scraping the sky with her diadem, shaking the nether worlds with the twang of the bowstring, and standing there pervading all the quarters around with her thousand arms. Then began a battle between that Devi and the enemies of the devas, in which the quarters of the sky were illumined by the weapons and arms hurled diversely. Mahishasura's general, a great asura named Ciksura and Camara, attended by forces comprising four parts, and other (asuras) fought. A great asura named Udagra with sixty thousand chariots, and Mahahanu with ten millions (of chariots) gave battle. Asiloman, another great asura, with fifteen millions (of chariots), and Baskala with six millions fought in that battle. Privarita with many thousands of elephants and horses, and surrounded by ten millions of chariots, fought in that battle. An asura named Bidala fought in that battle surrounded with five hundred crores of chariots. And other great asuras, thousands in number, surrounded with chariots, elephants and horses fought with the Devi in that battle.
47-48. Mahisasura was surrounded in that battle with thousands of crores of horses, elephants and chariots. Others (asuras) fought in the battle against the Devi with iron maces and javelins, with spears and clubs, with swords, axes and halberds. Some hurled spears and others nooses.
49-58. They began to strike her with swords in order to kill her. Showering her own weapons and arms, that Devi Chandika very easily cut into pieces all those weapons and arms. Without any strain on her face, and with gods and sages extolling her, the Isvari threw her weapons and arms at the bodies of the asuras. And the lion also which carried the Devi, shaking its mane in rage, stalked among the hosts of the asuras like a conflagration amidst the forests. The sighs which Ambika, engaged in the battle, heaved became at once her battalions by hundreds and thousands. Energized by the power of the Devi, these (battalions) fought with axes, javelins, swords, halberds, and destroyed the asuras. Of these battalions, some beat drums, some blew conches and others played on tabors in that great martial festival. Then the Devi killed hundreds of asuras with her trident, club, showers of spears, swords and the like, and threw down others who were stupefied by the noise of her bell; and binding others with her noose, she dragged them on the ground. Some were split into two by the sharp slashes of her sword, and others, smashed by the blows of her mace, lay down on the ground; and some severely hammered by club vomited forth blood.
59-61. Pierced in the breast by her trident, some fell on the ground. Pierced all over by her arrows and resembling porcupines, some of the enemies of devas gave up their lives on that field of battle. Some had their arms cut off, some, their necks broken the heads of others rolled down; some others were torn asunder in the middle of their trunks, and some great asuras fell on the ground with their legs severed.
62. Some rendered one-armed, one-eyed, and one-legged were again clove in twain by the Devi. And others, though rendered headless, fell and rose again.
63. Headless trunks fought with the Devi with best weapons in their hands. Some of these headless trunks danced there in the battle to the rhythm of the musical instruments.
64-65. The trunks of some other great asuras, with their swords, spears and lances still in their hands, shouted at the Devi with their just severed heads, 'Stop, stop'. That part of earth where the battle was fought became impassable with the asuras, elephants and horses and chariots that had been felled.
66-67. The profuse blood from the asuras, elephants and horses flowed immediately like large rivers amidst that army of the asuras. As fire consumes a huge heap of straw and wood, so did Ambika destroy that vast army of asuras in no time.
68-69. And her carrier-lion, thundering aloud with quivering mane, prowled about in the battlefield, appearing to search out the vital breaths from the bodies of the enemies of devas. In that battlefield the battalions of the Devi fought in such a manner with the asuras that the devas in heaven, showering flowers, extolled them. Here ends the second chapter called 'Slaughter of the armies of Mahishasura' of Devi-mahatmya in Markandeya-purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 3: The Slaying of Mahishasura
The Rishi said:
1-2. Then Ciksura, the great asura general, seeing that army being slain (by the Devi), advanced in anger to fight with Ambika.
3. That asura rained showers of arrows on the Devi in the battle, even as a cloud (showers) rain on the summit of Mount Meru.
4. Then the Devi, easily cutting asunder the masses of his arrows, killed his horses and their controller with her arrows.
5. Forthwith she split his bow and lofty banner, and with her arrows pierced the body of that(asura) whose bow had been cut.
6. His bow shattered, his chariot broken, his horses killed and his charioteer slain, the asura armed with sword and shield rushed at the Devi.
7. Swiftly he smote the lion on the head with his sharp-edged sword and struck the Devi also on her left arm.
8. O king, his sword broke into pieces as it touched her arm. Thereon his eyes turning red with anger, he grasped his pike.
9. Then the great asura flung at Bhandrakali the pike, blazing with lustre, as if he was hurling the very sun from the skies.
10. Seeing that pike coming upon her, the Devi hurled her pike that shattered his pike into a hundred fragments and the great asura himself.
11. Mahisasura's very valiant general having been killed, Camara, the afflicter of devas, mounted on an elephant, advanced.
12. He also hurled his spear at the Devi. Ambika quickly assailed it with a whoop, made it lustreless and fall to the ground.
13. Seeing his spear broken and fallen, Camara, full of rage, flung a pike, and she split that also with her arrows.
14. Then the lion, leaping up and seating itself at the centre of the elephant's forehead, engaged itself in a hand to hand fight with that foe of the devas.
15. Fighting, the two then came down to the earth from the back of the elephant, and fought very impetuously, dealing the most terrible blows at each other.
16. Then the lion, springing up quickly to the sky, and descending, severed Camara's head with a blow from its paw.
17. And Udagra was killed in the battle by the Devi with stones, trees and the like, and Karala also stricken down by her teeth and fists and slaps.
18. Enraged, the Devi ground Uddhata to powder with the blows of her club, and killed Baskala with a dart and destroyed Tamra and Andhaka with arrows.
19. The three-eyed Supreme Isvari killed Ugrasya and Ugravirya and Mahahanu also with her trident.
20. With her sword she struck down Bidala's head from his body, and dispatched both Durdhara and Durmudha to the abode of Death with her arrows.
21. As his army was thus being destroyed, Mahishasura terrified the troops of the Devi with his own buffalo form.
22. Some ( he laid low) by a blow of his muzzle, some by stamping with his hooves, some by the lashes of his tail, and others by the pokes of his horns.
23. Some he laid low on the face of the earth by his impetuous speed, some by his bellowing and wheeling movement, and others by the blast of his breath.
24. Having laid low her army, Mahishasura rushed to slay the lion of the Mahadevi. This enraged Ambika.
25. Mahishasura, great in valour, pounded the surface of the earth with his hooves in rage, tossed up the high mountains with his horns, and bellowed terribly.
26. Crushed by the velocity of his wheeling, the earth disintegrated, and lashed by his tail, the sea overflowed all around.
27. Pierced by his swaying horns, the clouds went into fragments. Cast up by the blast of his breath, mountains fell down from the sky in hundreds.
28. Seeing the great asura swollen with rage and advancing towards her, Chandika displayed her wrath in order to slay him.
29. She flung her noose over him and bound the great asura. Thus bound in the great battle, he quitted his buffalo form.
30. Then he became a lion suddenly. While Ambika cut off the head (of his lion form), he took the appearance of a man with sword in hand.
31. Immediately then the Devi with her arrows chopped off the man together with his sword and shield. Then he became a big elephant.
32. (The elephant) tugged at her great lion with his trunk and roared loudly, but as he was dragging, the Devi cut off his trunk with her sword.
33. The great asura then resumed his buffalo shape and shook the three worlds with their movable and immovable objects.
34. Enraged threat, Chandika, the Mother of the worlds, quaffed a divine drink again and again, and laughed, her eyes becoming red.
35, And the asura, also roared intoxicated with his strength and valour, and hurled mountains against Chandika with his horns.
36. And she with showers of arrows pulverized ( those mountains) hurled at her, and spoke to him in flurried words, the colour of her face accentuated with the intoxication of the divine drink. The Devi said:
37-38. 'Roar, roar, O fool, for a moment while I drink this wine. When you sill be slain by me, the devas will soon roar in this very place.' The Rishi said:
39-40. Having exclaimed thus, she jumped and landed herself on that great asura, pressed him on the neck with her foot and struck him with her spear.
41. And thereupon, caught up under her foot. Mahishasura half issued forth ( in his real form) from his own (buffalo) mouth, being completely overcome by the valour of the Devi.
42. Fighting thus with his half-revealed form, the great asura was laid by the Devi who struck off his head with her great sword.
43. Then, crying in consternation, the whole asura army perished; and all the hosts of deva were in exultation. 44. With the great sages of heaven, the devas praised the Devi. The Gandharva chiefs sang and the bevies of apsaras danced. Here ends the third chapter called 'The Slaying of Mahishasura' of Devi-mahatmya in Markandeya-purana during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 4: The Devi Stuti
The Rishi said:
1-2. When that most valiant but evil-natured Mahishasura and the army of that foe of the devas were destroyed by the Devi, Indra and the hosts of devas uttered their words of praise, their necks and shoulders reverently bent, and bodies rendered beautiful with horripilation and exultation.
3. 'To that Ambika who is worthy of worship by all devas and sages and pervades this world by her power and who is the embodiment of the entire powers of all the hosts of devas, we bow in devotion. May she grant us auspicious things!
4. 'May Chandika, whose incomparable greatness and power Bhagavan Vishnu, Brahma and Hara are unable to describe, bestow her mind on protecting the entire world and on destroying the fear of evil.
5. ' O Devi, we bow before you, who are yourself good fortune in the dwellings of the virtuous, and ill-fortune in those of the vicious, intelligence in the hearts of the learned, faith in the hearts of the good, and modesty in the hearts of the high-born. May you protect the universe!
6. 'O Devi, how can we describe your inconceivable form, or your abundant surpassing valour that destroys the asuras, or your wonderful feats displayed in battles among all the hosts of gods, asuras and others?
7. 'You are the origin of all the worlds! Though you are possessed of the three gunas you are not known to have any of their attendant defects (like passion)! You are incomprehensible even to Vishnu, Shiva and others! You are the resort of all! this entire world is composed of an infinitesimal portion of yourself! You are verily the supreme primordial Prakriti untransformed.
8. 'O Devi, you are Svaha at whose utterance the whole assemblage of gods attains satisfaction in all the sacrifices. You are the Svadha which gives satisfaction to the manes. Therefore you are chanted (as Svaha and Svadha in Sacrifices) by people.
9. 'O Devi, you are Bhagavati, the supreme Vidya which is the cause of liberation, and great inconceivable penance (are the means for your realization). You ( the supreme knowledge) are cultivated by sages desiring liberation, whose senses are well restrained, who are devoted to Reality, and have shed all the blemishes.
10. 'You are the soul of Sabda-Brahman. You are the repository of the very pure Rig-veda and Yajus hymns, and of Samans, the recital of whose words is beautiful sith the Udgitha! You are Bhagavati embodying the three Vedas. And you are the sustenance whereby life is maintained. You are the supreme destroyer of the pain of al the worlds.
11. 'O Devi, you are the Intellect, by which the essence of all scriptures is comprehended. You are Durga, the boat that takes men across the difficult ocean of worldly existence, devoid of attachments. You are Shri who has invariably taken her abode in the heart of Vishnu. You are indeed Gauri who has established herself with Shiva.
12. 'Gently smiling, pure, resembling the full moon's orb, beautiful like the splendour of excellent gold was your face! Yet it was very strange that, being swayed by anger, Mahishasura suddenly struck your face when he saw it.
13. 'Far strange it is that after seeing your wrathful face, O Devi, terrible with its frowns and red in hue like the rising moon, that Mahishasura did not forthwith give up his life! For, who can live after beholding the enraged Destroyer?
14. 'O Devi, be propitious. You are Supreme. If enraged, you forthwith destroy the (asura) families for the welfare (of the world). This was known the very moment when the extensive forces of Mahishasura were brought to their end.
15. 'You who are always bounteous, with whom you are well pleased, those (fortunate ones) are indeed the object of esteem in the country, theirs are riches, theirs are glories, and their acts of righteousness perish not; they are indeed blessed and possessed of devoted children, servants and wives.
16. 'By your grace, O Devi, the blessed individual does daily all righteous deeds with utmost care and thereby attains to heaven. Are you not, therefore O Devi, the bestower of reward in all the three worlds?
17. 'When called to mind in a difficult pass, you remove fear for every person. When called to mind by those in happiness, you bestow a mind still further pious. Which goddess but you, O Dispeller of poverty, pain and fear, has an ever sympathetic heart for helping everyone?
18. 'The world attains happiness by the killing of these (foes) and though these (asuras) have committed sins to keep them long in hell, let them reach heaven by meeting death eventually at he battle (with me)- thinking thus, that you, O Devi, certainly destroy our enemies.
19. 'Don't you reduce to ashes all asuras by mere sight? But you direct your weapons against them so that even the inimical ones, purified by the missiles, may attain the higher worlds. Such is your most kindly intention towards them.
20. 'If the eyes of the asuras had not been put out by the terrible flashes of the mass of light issuing from your sword or by the copious lustre of your spear point, it is because they saw also your face resembling the moon, giving out (cool) rays.
21. 'O Devi, your nature is to subdue the conduct of the wicked; this your peerless beauty is inconceivable for others; your power destroys those who have robbed the devas of their prowess, and you have thus manifested your compassion even towards the enemies.
22. 'What is your prowess to be compared to? Where can one find this beauty (of yours) most charming, (yet) striking fear in enemies? Compassion in heart and relentlessness in battle are een, O Devi, O Bestower of boons, only in you in all the three worlds!
23. 'Through the destruction of the enemies all these three worlds have been saved by you. Having killed them in the battle-front, you have led even those hosts of enemies to heaven, and you have dispelled our fear from the frenzied enemies of the devas. Salutation to you!
24. 'O Devi, protect us with your spear. O Ambika, protect us with your sword, protect us by the sound of your bell and by the twang of your bow-string.
25. 'O Chandika, guard us in the east, in the west, in the north and in the south by the brandishing of your spear. O Iswari!
26. 'Protect us and the earth with those lovely forms of yours moving about in the three worlds, as also with your excludingly terrible forms.
27. 'O Ambika, protect us on every side with your sword, spear and club and whatever other weapons your sprout-like (soft) hand has touched.' The Rishi said:
28-30. Thus the supporter of the worlds was praised by the devas, worshipped with celestial flowers that blossomed in Nandana and with perfumes and unguents; and with devotion all of them offered her - heavenly incense. Benignly serene in countenance she spoke to all obeisant devas. The Devi said:
31-32. 'Choose all of you, O devas, whatever you desire of me. (Gratified immensely with these hymns, I grant it with great pleasure)' The devas said:
33-34. 'Since our enemy, this Mahishasura, has been slain by Bhagavati (i.e you) everything has been accomplished, and nothing remains to be done. 35. 'And if a boon is to be granted to us by you, O Mahesvari, whenever we think of you again, destroy our direct calamities.
36-37. 'O Mother of spotless countenance, and whatever mortal shall praise you with these hymns, may you, who have become gracious towards us, be also for his increase in this wealth, wife, and other fortunes together with riches, prosperity and life, O Ambika!' The Rishi said:
38-39. O King, being thus propitiated by the devas for the sake of the world and for their own sake, Bhadrakali said, 'Be it so' and vanished from their sight.
40. Thus have I narrated, O King, how the Devi who desires the good of all the three worlds made her appearance of yore out of the bodies of the devas.
41-42. And again how, as a benefactress of the devas, she appeared in the form of Gauri for the slaying of wicked asuras as well as Shumbha and Nishumbha, and for the protection of worlds, listen as I relate it. I shall tell it to you as it happened. Here ends the fourth chapter called "The Devi Stuti " of the Devi-mahatmya in Markandeya-purana during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 5: Devi's conversation with the messenger
Meditation of Mahasaraswati I meditate on the incomparable Mahasaraswati who holds in her (eight) lotus-like hands bell, trident, plough, conch, mace, discus, bow and arrow; who is effulgent like destroyer of Sumbha and other asuras, who issued forth from Parvati's body and is the substratum of the three worlds. The Rishi said:
1-2. Of yore Indra's (sovereignty) over the three worlds and his portions of the sacrifices were taken away by the asuras, Sumbha and Nisumbha, by force of their pride and strength.
3. The two, themselves, took over likewise, the offices of the sun, the moon, Kubera, Yama, and Varuna.
4. They themselves exercised Vayu's authority and Agni's duty. Deprived of their lordships and sovereignties, the devas were defeated.
5. Deprived of their functions and expelled by these two great asuras, all the devas thought of the invincible Devi.
6. 'She had granted us the boon, "Whenever in calamities you think of me, that very moment I will put an end to all your worst calamities."'
7. Resolving thus, the devas went to Himavat, lord of the mountains, and there extolled the Devi, who is the illusive power of Vishnu. The devas said:
8-9. 'Salutation to the Devi, to the Mahadevi. Salutation always to her who is ever auspicious. Salutation to her who is the primordial cause and the sustaining power. With attention, we have made obeisance to her.
10. 'Salutation to her who is terrible, to her who is eternal. Salutation to Gauri, the supporter(of the Universe). salutation always to her who's is of the form of the moon and moon-light and happiness itself.
11. 'We bow to her who is welfare; we make salutations to her who is prosperity and success. Salutation to the consort of Shiva who is herself the good fortune as well as misfortune of kings.
12. 'Salutations always to Durga who takes one across in difficulties, who is essence, who is the authority of everything; who is knowledge of discrimination and who is blue-black as also smoke-like in complexion.
13. 'We prostrate before her who is at once most gentle and most terrible; we salute her again and again. Salutation to her who is the support of the world. Salutation to the devi who is the form of volition.
14-16. 'Salutations again and again to the Devi who in all beings is called Vishnumaya.
17-19. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings as consciousness;
20-22. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of intelligence;
23-25. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of sleep;
26-28. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of hunger:
29-31. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of reflection;
32-34. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of power.
35-37. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of thirst;
38-40. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of forgiveness;
41-43. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of genus;
44-46. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of modesty;
47-49. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of peace;
50-52. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of faith;
53-55. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of loveliness;
56-58. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of good fortune;
59-61. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of activity;
62-64. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of memory;
65-67. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of compassion;
68-70. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of contentment;
71-73. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of mother;
74-76. 'Salutations again and again to the Devi who abides in all beings in the form of error;
77. 'Salutations again and again to the all-pervading Devi who constantly presides over the senses of all beings and (governs) all the elements;
78-80. 'Salutations again and again to her who, pervading the entire world, abides in the form of consciousness.
81. 'Invoked of yore by the devas for the sake of their desired object, and adored by the lord of the devas every day, may she, the Isvari, the source of all good, accomplish for us all auspicious things and put an end to our calamities!
82. 'And who is now again, reverenced by us, devas, tormented by arrogant asuras and who, called to mind by us obeisant with devotion, destroys this very moment all our calamities.' The Rishi said:
83-84. O Prince, while the devas were thus engaged in praises and (other acts of adoration), Parvathi came there to bathe in the waters of the Ganga.
85. She, the lovely-browed, said to those devas, 'Who is praised by you here?' An auspicious goddess, sprung forth from her physical sheath, gave the reply:
86. 'This hymn is addressed to me by the assembled devas set at naught by the asura Shumbha and routed in battle by Nishumbha.
87. Because that Ambika came out of Parvati's physical sheath (Kosa), she is glorified as Kaushiki in all the worlds.
88. After she had issued forth, Parvati became dark and was called Kalika and stationed on mount Himalaya.
89. Then, Chanda, and Munda, two servants of Shumbha and Nishumbha, saw that Ambika (Kausiki) bearing a surpassingly charming form. They both told Shumbha:
90. 'O King, a certain woman, most surpassingly beautiful, dwells there shedding lustre on mount Himalaya.
91. 'Such supreme beauty was never seen by any one anywhere. Ascertain who that Goddess is and take possession of her, O Lord of the asuras!
92. 'A gem among women, of exquisitely beautiful limbs, illuminating the quarters with her lustre there she is, O Lord of the daityas. You should see her.
93. 'O Lord, whatever jewels, precious stones, elephants, horses and others there are in the three worlds, they are all now in your house.
94. 'Airavata, gem among elephants, has been brought away from Indra and so also this Parijata tree and the horse Uccaihsravas.
95. 'Here stands in your courtyard the wonderful chariot yoked with swans, a wonderful gem (of its class). It has been brought here from Brahma to whom it originally belonged.
96. 'Here is the treasure named Mahapadma brought from the lord of wealth. And the ocean gave a garland named Kinjalkini made of unfading lotus flowers.
97. 'In your house stands the gold-showering umbrella of Varuna. And here is the excellent chariot that was formerly Prajapati's.
98. By you, O Lord, Death's shakti weapon named Utkrantida has been carried off. the noose of the ocean-king is among your brother's possessions.
99. 'Nishumbha has every kind of gem produced in the sea. Fire also gave you two garments which are purified by fire.
100. 'Thus, O Lord of asuras, all gems have been brought by you. Why this beautiful lady-jewel is not seized by you? The Rishi said:
101-102. On hearing these words of Chanda and Munda, Shumbha sent the great asura Sugriva as messenger to the Devi. He said:
103. 'Go and tell her thus in my words and do the thing in such a manner that she may quickly come to me in love.'
104. He went there where the Devi was staying in a very beautiful spot on the mountain and spoke to her in fine and sweet words. The messenger said:
105-106. 'O Devi, Shumbha, lord of asuras, is the supreme sovereign of three worlds. Sent by him as messenger, I have come here to your presence.
107. 'Hearken to what has been said by him whose command is never resisted among the devas and who has vanquished all the foes of the asuras:
108. '(He says), "All the three worlds are mine and the devas are obedient to me. I enjoy all their hares in sacrifices separately.
109-110. "All the choicest gems in the three worlds are in my possession; and so is the gem of elephants, Airavata, the vehicle of the king of devas carried away be me. The devas themselves offered to me with salutations that gem of horses named Uccaisravas which arose at the churning of milk-ocean.
111. "O beautiful lady, whatever other rare objects there existed among the devas, the gandharvas and nagas are now with me.
112. "We look upon you, O Devi, as the jewel of womankind in the world. You who are such, come to me, since we are the enjoyers of the best objects.
113. "Take to me or to my younger brother Nishumbha of great prowess, O unsteady-eyed lady, for you are in truth a jewel.
114. "Wealth, great and beyond compare, you will get by marrying me. Think over this in your mind, and become my wife."' The Rishi said:
115-116. Thus told, Durga the adorable and auspicious, by whom this universe is supported, then became serene and said. The Devi said:
117-118. You have spoken truth; nothing false has been uttered by you in this matter. Shumbha is indeed the sovereign of the three worlds an likewise is also Nishumbha.
119. 'But in this matter, how can that which has been promised be made false? Hear what promise I had made already out of foolishness.
120. "He who conquers me in battle, removes my pride and is my match is strength in the world shall be my husband."
121. 'So let Shumbha come here then, or Nishumbha the great asura. Vanquishing me here, let him soon take my hand in marriage. Why delay?' The messenger said:
122-123. 'O Devi, you are haughty. Talk not so before me. Which man in the three worlds will stand before Shumbha and Nishumbha?
124. 'All the devas verily cannot stand face to face with even the other asuras in battle. Why mention you, O Devi, a single woman?
125. 'Indra and all other devas could not stand in battle against Shumbha and other demons, how will you, a woman, face them?
126. 'On my word itself, you go to Shumbha and Nishumbha. Let it not be that you go to them with your dignity lost be being dragged by your hair.' The Devi said:
127-128. 'Yes, it is; Shumbha is strong and so is Nishumbha exceedingly heroic! What can I do since there stands my ill-considered vow taken long ago?
129. 'Go back, and tell the lord of asuras carefully all this that I have said; let him do whatever he considers proper.' Here ends the fifth chapter called 'Devi's conversation with the messenger' of the Devi-mahatmya in Markandeya-purana during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 6: The Slaying of Dhumralochana
The Rishi said:
1-2. The messenger, filled with indignation on hearing the words the Devi, returned and related them in detail to the king of the daityas.
3-4. Then the asura monarch, enraged on hearing that report from his messenger, told Dhumralocana, a chieftain of the daityas: 'O Dhumralocana, hasten together with your army and fetch here by force that shrew, distressed when dragged by her hair.
5. 'Or if any one else stands up as her saviours, let him be slain, be he a god, a yaksa or a gandharva.' The Rishi said:
6-7. Then the asura Dhuralocana, commanded thus by Shumbha, went forth quickly, accompanied by sixty thousand asuras.
8. On seeing the Devi stationed on the snowy mountain, he asked her aloud, 'Come to the presence of Shumbha and Nishumbha.
9. 'If you will not go to my lord with pleasure now, here I take you by force, distressed when dragged by your hair.' The Devi said:
10-11. 'You are sent by the lord of the asuras, mighty yourself and accompanied by an army. If you thus take me by force, then what can I do to you?' The Rishi said:
12-13. Thus told, the asura Dhumralocana rushed towards her and thereupon Ambika reduced him to ashes with a mere heave of the sound 'hum'
14. Then the great army of asuras became enraged and showered on Ambika sharp arrows, javelins, and axes.
15. Then the lion, vehicle of the Devi, shaking its mane in anger, and making the most terrific roar, fell on the army of the asuras.
16. Some asuras, it slaughtered with a blow of its fore paw, others with its mouth, and other great asuras, by treading over with its hind legs.
17. The lion, with its claws, tore out the hearts of some and severed heads with a blow of the paw.
18. And it severed arms and heads from others, and shaking its mane drank the blood from the hearts of others.
19. In a moment all that army was destroyed by that high-spirited and exceedingly enraged lion who bore the Devi.
20-21. When Shumbha, the lord of asuras, heard that asura Dhumralocana was slain by the Devi and all his army was destroyed by the lion of the Devi, he was infuriated, his lip quivered and he commanded the two mighty asuras Chanda and Munda:
22-23. 'O Chanda, O Munda, go there with large forces, and bring her here speedily, dragging her by her hair or binding her. But if you have any doubt about doing that, then let the asuras strike (her) in the fight with all their weapons.
24. 'When that shrew is wounded and her lion stricken down, seize that Ambika, bind and bring her quickly.' Here ends the sixth chapter called 'The Slaying of Dhumralocana' of Devi-mahatmya in Markandeya purana during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 7: The slaying of Chanda and Munda
The Rishi said:
1-2. Then at his command the asuras, fully armed, and with Chanda and Munda at their head, marched in fourfold array.
3. They saw the Devi, smiling gently, seated upon the lion on a huge golden peak of the great mountain.
4. On seeing her, some of them excited themselves and made an effort to capture her, and others approached her, with their bows bent and swords drawn.
5. Thereupon Ambika became terribly angry with those foes, and in her anger her countenance then became dark as ink.
6. Out from the surface of her forehead, fierce with frown, issued suddenly Kali of terrible countenance, armed with a sword and noose.
7-9. Bearing the strange skull-topped staff, decorated with a garland of skull, clad in a tiger's skin, very appalling owing to her emaciated flesh, with gaping mouth, fearful with her tongue lolling out, having deep-sunk reddish eyes and filling the regions of the sky with her roars, and falling upon impetuously and slaughtering the great asuras in that army, she devoured those hosts of the foes of the devas.
10. Snatching the elephants with one hand she flung them into her mouth together with their rear men and drivers and their warrior-riders and bells.
11. Taking likewise into her mouth the cavalry with the horses, and chariot with its driver, she ground them most frightfully with her teeth.
12. She seized one by the hair and another by the neck; one she crushed by the weight of the foot, and another of her body.
13. And she caught with her mouth the weapons and the great arms shot by those asuras and crunched them up with her teeth in her fury.
14. She destroyed all that host of mighty and evil-natured asuras, devoured some and battered others.
15. Some were killed with her word, some were beaten with her skull-topped staff, and other asuras met their death being ground with the edge of her teeth.
16. On seeing all the hosts of asuras laid low in a moment, Chanda rushed against that Kali, who was exceedingly terrible.
17. The great asura (Chanda) with very terrible showers of arrows, and Munda with discuses hurled in thousands covered that terrible-eyed (Devi).
18. Those numerous discuses, disappearing into her mouth, looked like numerous solar orbs disappearing into the midst of a cloud.
19. Thereat Kali, who was roaring frightfully, whose fearful teeth were gleaming within her dreadful mouth, laughed terribly with exceeding fury.
20. Then the Devi, mounting upon her great lion, rushed at Chanda, and seizing him by his hair, severed his head with her sword.
21. Seeing Chanda laid low, Munda also rushed at her. She felled him also the ground, striking him with her sword in her fury.
22. Seeing the most valiant Chanda and Munda laid low, the remaining army there became panicky and fled in all directions.
23. And Kali, holding the heads of Chanda and Munda in her hands, approached Chandika and said, her words mingled with very loud laughter.
24. 'Here have I brought you the heads of Chanda and Munda as two great animal offerings in this sacrifice of battle; Shumbha and Nishumbha, you shall yourself slay.' The Rishi said:
25-27. Thereupon seeing those asuras, Chanda and Munda brought to her, the auspicious Chandika said to Kali these playful words: 'Because you have brought me both Chanda and Munda, you O Devi, shall be famed in the world by the name Chamunda. Here ends the seventh chapter called 'The slaying of Chanda and Munda' of Devi-mahatmya in Markandeya purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 8: The Slaying of Raktabija
The Rishi said:
1-3. After the daitya Chanda was slain and Munda was laid low, and many of the battalions were destroyed, the lord of the asuras, powerful Sumbha, with mid overcome by anger, commanded then the mobilization of all the daitya hosts:
4. 'Now let the eighty-six asuras - upraising their weapons - with all their forces, and the eighty-four Kambus, surrounded by their own forces, go out.
5. 'Let the fifty asura families of Kotiviryas and the hundred families of Dhaumras go forth at my command.
6. 'Let the asurasa Kalakas, Daurhrdas, the Mauryas and the Kalakeyas hasten at my command and march forth ready for battle.'
7. After issuing these orders, Sumbha, the lord of the asuras and a ferocious ruler, went forth, attended by many thousands of big forces.
8. Seeing that most terrible army coming, Chandika filled into space between the earth and the sky with the twang of her bow-string.
9. Thereon her lion made an exceedingly loud roar, O King, and Ambika magnified those roars with the clanging of the bell.
10. Kali, expanding her mouth wide and filling the quarters with the sound (hum ) overwhelmed the noises of her bow-string, lion and bell by her terrific roars.
11. On hearing that roar the enraged asura battalions surrounded the lion, the Devi (Chandika) and Kali on all the four sides.
12-13. At this moment, O King, in order to annihilate the enemies of devas and for the well-being of the supreme devas, there issued forth, endowed with exceeding vigour and strength, Shaktis from the bodies of Brahma, Shiva, Guha, Vishnu and Indra, and with the form of those devas went to Chandika.
14. Whatever was the form of each deva, whatever his ornaments and vehicle, in that very form his Shakti advanced to fight with the asuras.
15. In a heavenly chariot drawn by swans advanced Brahma's Shakti carrying a rosary and Kamandalu. She is called Brahmani.
16. Maheshvari arrived, seated on a bull, holding a fine trident, wearing bracelets of great snakes and adorned with a digit of the moon.
17. Ambika Kaumari, in the form of Guha, holding a spear in hand riding on a fine peacock, advanced to attack the asuras.
18. Likewise the Shakti of Vishnu came, seated upon Garuda, holding conch, club, bow and sword in hand.
19. The Shakti of Hari, who assumed the incomparable form of a sacrificial boar, she also advanced there in a boar-like form.
20. Narasimhi arrived there, assuming a body like that of a Narasimha, bringing down the constellations by the toss of her mane.
21. Likewise the thousand-eyed Aindri, holding a thunderbolt in hand and riding on the lord of elephants arrive just like Sakra (Indra).
22. Then Shiva, surrounded by those shaktis of the devas, said to Chandika, 'Let the asuras be killed forthwith by you for my gratification.'
23. Thereupon from the body of Devi issued forth the Shakti of Chandika, most terrific, exceedingly fierce and yelling like a hundred jackals.
24. And that invincible (Shakti) told Shiva, of dark coloured matted locks, 'Go, my lord, as ambassador to the presence of Shumbha and Nis umbha.
25. 'Tell the two haughty asuras, Sumbha and Nis umbha, and the other asuras assembled there for battle.
26. "Let Indra obtain the three worlds and let the devas enjoy the sacrificial oblations. You go to the nether world, if you wish to live.
27. "But if through pride of strength you are anxious for battle, come on then. Let my jackals be satiated with your flesh."'
28. Because that Devi appointed "Shiva" himself as ambassador thenceforth she became renowned in this world as Shiva-duti.
29. Those great asuras, on their part, hearing the words of the Devi communicated by Shiva, were filled with indignation and went where Katyayani stood.
30. Then in the very beginning, the enraged foes of the devas poured in front on the Devi showers of arrows, javelins and spears.
31. And lightly, with the huge arrows shot from her full-drawn bow, she clove those arrows, spears, darts and axes hurled by them.
32. Then, in front of him (Shumbha), stalked Kali, piercing the enemies to pieces with her spear and crushing them with her skull-topped staff.
33. And Brahmani, wherever she moved, made the enemies bereft of valour and prowess by sprinkling on them the water from her Kamandalu.
34. The very wrathful Maheshvari slew the daityas with her trident, and Vaisnavi, with her discus and Kaumari, with her javelin.
35. Torn to pieces by the thunderbolt which come down upon them, hurled by Aindri, daityas and danavas fell on the earth in hundreds, streams of blood flowing out of them.
36. Shattered by the boar-formed goddess (Varahi) with blows of her snout, wounded in their chests by the point of her tusk and torn by her discus, (the asuras) fell down.
37. Narasimhi filling all the quarters and the sky with her roars, roamed about in the battle, devouring other great asuras torn by her claws.
38. Demoralised by the violent laughter of Shivaduti, the asuras fell down on the earth; she then devoured them who had fallen down.
39. Seeing the enraged band of Matrs crushing the great asuras thus by various means, the troops of the enemies of devas took to their heels.
40. Seeing the asuras harassed by the band of Matrs and fleeing, the great asura Raktabija strode forward to fight in wrath.
41. Whenever from his body there fell to the ground a drop of blood, at that moment rose up from the earth asura of his stature.
42. The great asura fought with Indra's shakti with club in his hand; then Aindri also struck Ranktabija with her thunderbolt.
43. Blood flowed quickly and profusely from him who was wounded by the thunderbolt. From the blood rose up (fresh) combatants of his form and valour.
44. As many drops of blood fell from his body, so may persons came into being, with his courage, strength and valour.
45. And those persons also sprung up from his blood fought there with the Matrs in a more dreadful manner hurling the very formidable weapons.
46. And again when his head was wounded by the fall of her thunder-bolt, his blood flowed and there from were born persons in thousands.
47. Vaisnavi struck him with her discus in the battle, Aindri beat that lord of asuras with her club.
48. The world was pervaded by thousands of great asuras who were of his stature and who rose up from the blood that flowed from him when cloven by the discus of Vaisnavi.
49. Kaumari struck the great asura Raktabija with her spear, Varahi with her sword, and Mahesvari with her trident.
50. And Raktabija, that great asura also, filled with wrath, struck everyone of the Matrs severally with his club.
51. From the stream of blood which fell on the earth from him when he received multiple wounds by the spears, darts and other weapons, hundreds of asuras came into being.
52. And those asuras that were born from the blood of Raktabija pervaded the whole world; the devas got intensely alarmed at this.
53-54. Seeing the devas dejected, Chandika laughed and said to Kali, 'O Chamunda, open out your mouth wide; with this mouth quickly take in the drops of blood generated by the blow of my weapon and (also) the great asuras born of the drops of blood of Raktabija.
55. 'Roam about in the battle-field, devouring the great asuras that spring from him. So shall this daitya, with his blood emptied, perish.
56. 'As you go on devouring these, other fierce (asuras) will not be born.' Having enjoined her thus, the Devi next smote him (Raktabija) with her dart.
57. Then Kali drank Raktabija's blood with her mouth. Then and there he struck Chandika with his club.
58-60. The blow of his club caused her not even the slightest pain. And from his stricken body wherever blood flowed copiously, there Chamunda swallowed it with her mouth. The Chamunda devoured those great asuras who sprang up from the flow of blood in her mouth, and drank his (Raktabija's ) blood.
61. The Devi (Kausiki) smote Raktabija with her dart, thunderbolt, arrows, swords, and spears, when Chamunda went on drinking his book.
62. Stricken with a multitude of weapons and bloodless, the great asura (Raktabija) fell on the ground, O King.
63. Thereupon the devas attained great joy, O King. The band of Matrs who sprang from them dance, being intoxicated with blood. Here ends the eighth chapter called 'The Slaying of Raktabija' of Devi-mahatmya in Markandeya-purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 9: The Slaying of Nishumbha
The king (Suratha) said:
1-2. 'Wonderful is this that you, adorable sir, have related to me about the greatness of the Devi's act in slaying Raktabija.
3. 'I wish to hear further what the very irate Shumbha and Nishumbha did after Raktabija was killed.'
The Rishi said:
4-5. After Raktabija was slain and other asuras were killed in the fight, the asura Shumbha and Nishumbha gave way to unbounded wrath.
6. Enraged on seeing his great army slaughtered, Nishumbha then rushed forward with the chief forces of the asuras.
7. In front of him behind him and on both sides of him, great asuras, enraged and biting their lips, advanced to slay the Devi.
8. Shumbha also, mighty in valour, went forward, surrounded, with his own troops to slay Chandika in this rage, after fighting with the Matrs.
9. Then commenced severe combat between the Devi on one side and on the other, Shumbha and Nishumbha who, like two thunder-clouds, rained a most tempestuous shower of arrows on her.
10. Chandika with numerous arrows quickly split the arrows shot by the two asuras and smote the two lords of asuras on their limbs with her mass of weapons.
11. Nishumbha, grasping a sharp sword and a shining shield, struck the lion, the great carrier of the Devi on the head.
12. When her carrier was struck, the Devi quickly cut Nishumbha's superb sword with a sharp-edged arrow and also his shield on which eight moons were figured.
13. When his shield was slit and his sword too broken, the asura hurled his spear; and that missile also, as it advanced towards her, was split into two by her discus.
14. Then the danava Nishumbha, swelling with wrath, seized a dart; and that also, as it came, the Devi powdered with a blow of her fist.
15. Then brandishing his club, he flung it against Chandika; cleft by the trident of the Devi, it also turned to ashes.
16. Then the Devi assailed the heroic danava advancing with battle-axe in hand, and laid him low on the ground.
17. When his brother Nishumbha of terrific prowess fell to the ground, (Shumbha) got infuriated in the extreme, and strode forward to slay Ambika.
18. Standing in his chariot and grasping excellent weapons in his long and incomparable eight arms, he shone by pervading the entire sky.
19. Seeing him approaching, the Devi blew her conch, and made a twang of her bow-string, which was unbearable in the extreme.
20. And (the Devi) filled all directions with the ringing of her bell, which destroys the strength of all the daitya hosts.
21. The lion filled the heaven, the earth and the ten quarters of the sky with loud roars, which made the elephants give up their violent rut.
22. Then Kali, springing upwards in the sky, (came down) and struck the earth with both her hands; by its noise all the previous sounds were drowned.
23. Shivaduti made a loud ominous peal of laughter, the asuras were frightened by those sounds, and Shumbha flew into an utmost rage.
24. As Ambika said, 'O evil-natured one, stop, stop', the devas stationed in the sky cheered her with the words, 'Be victorious'.
25. The spear, flaming most terribly and shining like a mass of fire, which Shumbha approaching hurled was, as it was coming along, put out by a great firebrand (from the Devi).
26. The interspace between the three worlds was pervaded by Shumbha's lion-like roar, but the dreadful thunder-clap ( of the Devi) smothered that, O King.
27. The Devi split the arrows shot by Shumbha, and Shumbha also split the arrows discharged by her, (each with her and his) sharp arrows in hundreds and thousands.
28. Then Chandika became angry and smote him with a trident. Wounded therewith, he fainted and fell to the ground.
29. Then Nishumbha, regaining consciousness seized his bow and struck with arrows the Devi and Kali and the lion.
30. And the danuja-lord, the son of Diti, putting forth a myriad arms, covered Chandika with myriad discuses.
31. Then Bhagavati Durga, the destroyer of difficulties and afflictions, became angry and split those discuses and those arrows with her own arrows.
32. Thereupon Nishumbha, surrounded by the daitya host, swiftly seizing his club, rushed at Chandika to sly her.
33. As he was just rushing at her, Chandika colve his club with her sharp-edged sword; and her took hold of a dart.
34. As Nishumbha, the afflicter of the devas, was advancing with the dart in hand, Chandika pierced him in the heart with a swiftly hurled dart.
35. From his (Nishumbha's) heart that was pierced by the dart, issued forth another person of great strength and valour, exclaiming (at the Devi) 'Stop.'
36. Then the Devi, laughing aloud, severed the head of him, who issued forth, with her sword. Thereupon he fell to the ground.
37. The lion then devoured those asuras whose necks he had crushed with his fierce teeth, and Kali and Shivaduti devoured others.
38. Some great asuras perished, being pierced through by the spear if Kaumari. Others were repulsed by (sprinkling of ) the water purified by the incantation of Brahmani.
39. Others fell, pierced by a trident wielded by Mahesvari; some were powdered on the ground by the blows from the snout of Varahi.
40. Some danavas were cut to pieces by the discus of Vaisnavi, and others again by the thunderbolt discharged from the palm of Aindri.
41. Some asuras perished (themselves), some fled from the great battle, and others were devoured by Kali, Sivaduti and the lion. Here ends the ninth chapter called 'the Slaying of Nishumbha' of Devi mahatmya in Markandeya-purana during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 10: The Slaying of Shumbha
The Rishi said:
1-3. Seeing his brother Nisumbha slain, who was dear to him as his life, and his army being slaughter, Shumbha angrily said. 'O Durga who are puffed up with pride of strength, don't show your pride (here). Though you are exceedingly haughty, you, resorting to the strength of others, fight.' The Devi said:
4-5. 'I am all alone in the world here. Who else is there besides me? See, O vile one, these Goddesses, who are but my own powers, entering into my own self!'
6. Then all those, Brahmani and the rest, were absorbed in the body of the Devi. Ambika alone then remained. The Devi said:
7-8. ' The numerous forms which I projected by my power here - those have been withdrawn by me, and (now) I stand alone. Be steadfast in combat.' The Rishi said:
9-10. Then began a dreadful battle between them both, the Devi and Shumbha, while all the devas and asuras looked on.
11. With showers of arrows, with sharp weapons and frightful missiles, both engaged again in a combat that frightened all the worlds.
12. Then the lord of daityas broke the divine missiles, which Ambika discharged in hundreds, with (weapons) that repulsed them.
13. With fierce shout of hum and the like, the Paramesvari playfully broke the excellent missiles that he discharged.
14. Then the asura covered the Devi with hundreds of arrows, and the Devi in wrath split his bow with her arrows.
15. And when the bow was split the lord of the daityas took up his spear. With a discus, the Devi split that (spear) also in this hand.
16. Next the supreme monarch of the daityas, taking his sword bright like the sun and shining shield bearing the images of a hundred moons, rushed at the Devi at that moment.
17. Just as he was rushing forward, Chandika split his sword with sharp arrows shot from her bow, as also his shield as bright as the solar rays.
18. With his steeds slain, with his bow broken, without a charioteer, the daitya then grasped his terrible mace, being ready to kill Ambika.
19. With sharp arrows, she split the mace of Shumbha, who was rushing at her. Even then, raising his fist, he rushed swiftly at her.
20. The daitya-king brought his fist down on the heart of the Devi, and the Devi also with her palm smote him on his chest.
21. The daitya-king, wounded by the blow of her palm fell on the earth, but immediately he rose up again.
22. Seizing the Devi, he sprang up and mounted on high into the sky. There also Chandika, without any support, fought with him.
23. Then the daitya (Shumbha) and Chandika fought, a never before, with each other in the sky in a close contact, which wrought surprise to the Siddhas and sages.
24. Ambika then, after carrying on a close fight for a vary long time with him, lifted him up, whirled him around and flung him down on the earth.
25. Flung thus, the evil-natured (Shumbha) reaching the earth and raising his fist, hastily rushed forward desiring to kill Chandika.
26. Seeing that lord of all the daitya-folk approaching, the Devi, piercing him on the chest with a dart, threw him down on the earth.
27. Pierced by the pointed dart of the Devi he fell lifeless on the ground, shaking the entire earth with its seas, islands and mountains.
28. When that evil-natured (asura) was slain, the universe became happy and regained perfect peace, and the sky grew clear.
29. Flaming portent-clouds that were in evidence before became tranquil, and the rivers kept within their courses when (Shumbha) was stricken down there.
30. When he had been slain, the minds of all the bands of devas became overjoyed, and the Gandharvas sang sweetly.
31-32. Others sounded (their instruments), and the bands of nymphs danced; likewise favourable winds blew; the sun became very brilliant; the sacred fires blazed peacefully and tranquil became the strange sounds that had risen in different quarters. Here ends the tenth chapter called 'The Slaying of Shumbha' of Devi-mahatmya in Markandeya-purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 11: Hymn to Narayani
The Rishi said:
1-2. When the great lord of asuras was slain there by the Devi, Indra and other devas led by Agni, with their object fulfilled and their cheerful faces illumining the quarters, praised her, Katyayani:
The devas said:
3. 'O Devi, you who remove the sufferings of your suppliants, be gracious. Be propitious, O Mother of the whole world. Be gracious, O Mother of the universe. Protect the universe. You are, O Devi, the ruler of all that is moving and unmoving.
4. 'You are the sole substratum of the world, because you subsist in the form of the earth. By you, who exist in the shape of water, all this (universe) is gratified, O Devi of inviolable valour!
5. 'You are the power of Vishnu, and have endless valour. You are the primeval maya, which is the source of the universe; by you all this (universe) has been thrown into an illusion. O Devi. If you become gracious, you become the cause of final emancipation in this world.
6. 'All lords are your aspects O Devi; so are all women in the world, endowed with various attributes. By you alone, the Mother, this world is filled. What praise can there be for you who are of the nature of primary and secondary expression regarding (objects) worthy of praise?
7. 'When you have been lauded as the embodiment of all beings, the Devi (the effulgent one), and bestower of the enjoyment and liberation, what words, however excellent, can praise you?
8. 'Salutation be to you, O Devi Narayani, O you who abide as intelligence in the hearts of all creatures, and bestow enjoyment and liberation.
9. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who, in the form of minutes, moments and other divisions of time, bring about change in things, and have (thus ) the power to destroy the universe.
10. 'Salutation be to you O Narayani, O you who are the good of all good, O auspicious Devi, who accomplish every object, the giver of refuge, O three eyed Gauri!
11. 'Salutation be to you, O Narayani, you who have the power of creation, sustentation and destruction and are eternal. You are the substratum and embodiment of the three gunas.
12. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who are intent on saving the dejected and distressed that take refuge under YOU. O you, Devi, who remove the sufferings of all!
13. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who ride in the heavenly chariot yoked with swans and assume the form of Brahmani, O Devi, who sprinkle water with Kusa grass.
14. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who bear the trident, the moon and the serpent, and ride a big bull, and have the form of Mahesvari.
15. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who are attended by peacock and cock, and bear a great spear. O you, who are sinless and take the form of Kaumari.
16. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who hold the great weapons of conch, discus, club and bow, and take the form of Vaisnavi, be gracious.
17. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who grasp a huge formidable discus, and uplift the earth with thy tusk, O auspicious Devi, who has a boar-like form.
18. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who, in the fierce form of a man-lion, put forth your efforts to sly the daityas, O you who possess the benevolence of saving the three worlds.
19. 'Salutation be to you, O Narayani, you who have a diadem and a great thunderbolt, are dazzling with a thousand eyes, and took away the life of Vrtra, O Aindri!
20. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who in the form of Sivaduti slew the mighty hosts of the daitya, O you of terrible form and loud throat!
21. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who have a face terrible with tusks, and are adorned with a garland of heads, Chamunda, O slayer of Munda!
22. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who are good fortune, modesty, great wisdom, faith, nourishment and Svadha, O you who are immovable O you, great Night and great Illusion.
23. 'Salutation be to you, O Narayani, O you who are intelligence and Sarasvati, O best one, prosperity, consort of Vishnu, dark one, nature, be propitious.
24. 'O Queen of all, you who exist in the form of all, and possess every might, save us from error, O Devi. Salutation be to you, Devi Durga!
25. 'May this benign countenance of yours adorned with three eyes, protect us from all fears. Salutation be to you, O Katyayani!
26. 'Terrible with flames, exceedingly sharp destroyer of all the asuras, may your trident guard us from fear. salutation be to you, O Bhadrakali!
27. 'May your bell that fills the world with its ringing, and destroys the prowess of the daityas, guard us, O Devi, as a mother protects her children, from all evils.
28. 'May your sword, smeared with the mire like blood and fat of asuras, and gleaming with rays, be for our welfare, O Chandika, we bow to you.
29. 'When satisfied, you destroy all illness but when wrathful you (frustrate) all the longed-for desires. No calamity befalls men who have sought you. Those who have sought you become verily a refuge of others.
30. 'This slaughter that you, O Devi, multiplying your won form into many, have now wrought on the great asuras who hate righteousness, O Ambika, which other (goddess) can do that work?
31. 'Who is there except you in the sciences, in the scriptures, and in the Vedic sayings the light the lamp of discrimination? (Still) you cause this universe to whirl about again and again within the dense darkness of the depths of attachment.
32. 'Where rakshasas and snakes of virulent poison (are), where foes and hosts of robbers (exist), where forest conflagrations (occur), there and in the mid-sea, you stand and save world.
33. 'O Queen of the universe, you protect the universe. As the self of the universe, you support the universe. You are the (goddess) worthy to be adored by the Lord of the universe. Those who bow in devotion to you themselves become the refuge of the universe.
34. 'O Devi, be pleased and protect us always from fear of foes, as you have done just now by the slaughter of asuras. And destroy quickly the sins of all worlds and the great calamities which have sprung from the maturing of evil portents.
35. 'O Devi you who remove the afflictions of the universe, be gracious to us who have bowed to you. O you worthy of adoration by the dwellers of the three worlds, be boon-giver to the worlds.' The Devi said:
36-37. 'O Devas, I am prepared to bestow a boon. Choose whatever boon you desire in your mind, for the welfare of the world. I shall grant it.'
The devas said:
38-39. ' O Queen of all, this same manner, you must destroy all our enemies and all the afflictions of three worlds. The Devi said:
40-41. 'When the twenty-eighth age has arrived during the period of Avaisvsvata Manu, two other great asuras, Sumbha and Nisumbha will be born.
42. 'Then born from the womb of Yasoda, in the home of cowherd Nanda, and dwelling on the Vindhya mountains, I will destroy them both.
43. 'And again having incarnated in a very terrible form on the earth, I shall slay the danavas, who are the descendants of Vipracitti.
44. 'When I shall devour the fierce and great asuras descended from Vipracitti, my teeth shall become red like the flower of pomegranate.
45. 'Therefore when devas in heaven and men on the earth praise me, shall always talk of me as the 'Red-toothed.'
46. 'And again when rain shall fail for a period of hundred years, propitiated by the munis I shall be born on the drought-ridden earth, but not womb-begotten.
47. 'Then I shall behold the munis with a hundred eyes and so mankind shall glorify me as the 'hundred-eyed.'
48. 'At that time, O devas, I shall maintain the whole world with life -sustaining vegetables, born out of my own (cosmic) body, till rains set in.
49. 'I shall be famed on the earth then as Sakambhari. At that very period I shall slay the great asura named Durgama.
50-53. 'Thereby I shall have the celebrated name of Durgadevi and again, assuming a terrible form on the mountain Himalaya, I shall destroy the rakshasas for the protection of the munis. Then all the munis, bowing their bodies reverently, shall praise me, and thereby I shall have the celebrated name of Bhimadevi. When the (asura) named Aruna shall work great havoc in the three worlds, having taken a (collective) bee-form, consisting of innumerable bees, I shall slay the great asura for the good of the world. 54-55. 'And then people shall laud me every where as Bhramari. Thus whenever trouble arises due to the advent of the danavas, I shall incarnate and destroy the foes.' Here ends the eleventh chapter called 'Hymn to Narayani' of Devi-mahatmya in Markandeya Purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 12: Eulogy of the Merits
The Devi said:
1-2. ‘And whoever with a concentrated mind shall pray to me constantly with these, hymns, I shall without doubt put down every trouble of his.
3. ‘And those who shall laud (the story of) the destruction of Madhu and Kaitabha, the slaughter Nishumbha likewise.
4-5. ‘And those also who shall listen with devotion to this sublime poem on my greatness on the eighth, the fourteenth and on the ninth days of the fortnight with concentrated mind, to them nothing wrong shall happen, nor calamities that arise from wrong doings nor poverty and never separation from beloved ones.
6. ‘He shall not experience fear from enemies, or from robbers and kings, or from weapon, fire and flood.
7. ‘Hence this poem of my greatness must be chanted by men of concentrated minds and listened to always with devotion; for it is the supreme course of well-being.
8. ‘May this poem of my glories quell all epidemic calamities, as also the threefold natural calamities.
9. ‘The place of my sanctuary where this poem is duly chanted everyday, I will never forsake and there my presence is certain.
10. ‘When sacrifice is offered, during worship, in the fire-ceremony, and at a great festival, all this poem on my acts must be chanted and heard.
11. ‘I will accept with love the sacrifice and worship that are made and the fire-offering that is offered likewise, whether they are done with due knowledge (of sacrifice) or not.
12-13. ‘During autumnal season, when the great annual worship is performed, the man hearing this glorification of mine with devotion shall certainly through my grace, be delivered without doubt from all troubles and be blessed with riches, grains and children.
14. ‘Hearing this glorification and auspicious appearances of mine, and my feats of prowess in battles, a man becomes fearless.
15. ‘Enemies perish, welfare accrues and the family rejoices for those who listen to this glorification of mine.
16. ‘Let one listen to this glorification of mine everywhere, at a propitiatory ceremony, on seeing a bad dream, and when there is the great evil influence of planets.
17. ‘(By that means) evil portents subside, as also the unfavourable influence of planets, and the bad dream seen by men turns into a good dream.
18. ‘It creates peacefulness in children possessed by the seizes of children (i.e., evil spirits), and it is the best promoter of friendship among men when split occurs in their union.
19. ‘It diminishes most effectively the power of all men of evil ways. Verily demons, goblins, and ogres are destroyed by its mere chanting.
20-30. ‘This entire glorification of mine draws ( a devotee) very near to me. And by means of finest cattle, flowers, arghya and incenses, and by perfumes and lamps, by feeding Brahmanas, by oblations, by sprinkling (consecrated) water, and by various other offerings and gifts (if one worships) day and night in a year-the gratification, which is done to me, is attained by listening but once to this holy story of mine. The chanting and hearing of the story of my manifestations remove sins, and grant perfect health and protect one from evil spirits; and when my martial exploit in the form of the slaughter of the wicked daityas is listened to, men will have no fear from enemies. And the hymns uttered by you, and those by the divine sages, and those by Brahma bestow a pious mind. He who is (lost) on a lonesome spot in a forest, or is surrounded by forest fire, or who is surrounded by robbers in a desolate spot, or who is captured by enemies, or who is pursued by a lion, or tiger, or by wild elephants in a forest, or who, under the orders of a wrathful king, is sentenced to death, or has been imprisoned, or who is tossed about in his boat by a tempest in the vast sea, or who is in the most terrible battle under shower of weapons, or who is amidst all kinds of dreadful troubles, or who is afflicted with pain - such a man on remembering this story of mine is saved from his strait. Through my power, lions etc., robbers and enemies, flee from a distance from him who remembers this story of mine.’
The Rishi said:
31-32. Having spoken thus the adorable Chandika, fierce in prowess, vanished on that very spot even as the Devas were gazing one.
33. Their foes having been killed, all the devas also were delivered from fear; all of them resumed their own duties as before and participated in their shares of sacrifices.
34-35. When the exceedingly valorous Shumbha and Nishumbha, the most fierce foes of devas, who brought ruin on the world, and who were unparalleled in prowess had been slain by the Devi in battle, the remaining daityas went away to Patala.
36. Thus O King, the adorable Devi, although eternal, incarnating again and again, protects the world.
37. By her this universe is deluded, and it is she who creates this universe. And when entreated, she bestows supreme knowledge, and we propitiated, we bestows prosperity.
38. By her, the Mahakali, who takes the form of the great destroyer at the end of time, all this cosmic sphere is pervaded.
39. She indeed takes the form of the great destroyer at the (proper) time. She, the unborn, indeed becomes this creation (at the time proper for re-creation), She herself, the eternal Being, sustains the beings at (another) time.
40. In times of prosperity, she indeed is Lakshmi, who bestows prosperity in the homes of men; and in times of misfortune, she herself becomes the goddess of misfortune, and brings about ruin.
41. When praised and worshipped with flowers, incense, perfumes, etc., she bestows wealth and sons, and a mind bent on righteousness and prosperous life. Here ends the twelfth chapter called ‘Eulogy of the Merits’ of Devi-mahatmya in the period of Markandya-purana, during the period of Savarni, the Manu.
CHAPTER 13: The bestowing of boons to Suratha and Vaisya
The Rishi said:
1-2. I have now narrated to you, O King, this sublime poem on the glory of the Devi.
3. The Devi is endowed with such majestic power. By her this world is upheld. Knowledge is similarly conferred by her, the illusive power of Bhagavan Vishnu.
4. By her, you, this merchant and other men of discrimination, are being deluded; and others were deluded (in the past), and will be deluded (in the future).
5. O great King, take refuge in her, the supreme Isvari. She indeed when worshipped bestows on men enjoyment, heaven and final release (from transmigration). Markandeya said (to his disciple Bhaguri):
6-8. O great sage, King Suratha who had become despondent consequent on his excessive attachment and the deprivation of his kingdom, and the merchant, having heard this speech prostrated before the illustrious Rishi of sever penances and immediately repaired to perform austerities.
9. Both king and the merchant, in order to obtain a vision of Amba, stationed themselves on the sand-bank of a river and practised penances, chanting the supreme Devi-sukta (hymn to the Devi).
10. Having made an earthen image of the Devi on the sands of the river, they both worshipped her with flowers, incense, fire and libation of water.
11. Now abstaining from food, and now restraining in their food, with their minds on thee and with concentration, they both offered sacrifices sprinkled with blood drawn from their own bodies.
12. When they, with controlled minds propitiated her thus for three years, Chandika, the upholder of the world, was well pleased and spoke to them in visible form.
The Devi said:
13-15. What you solicit, O King, and you, the delight of your family, receive all that from me. Well-leased I bestow those to you both.
Markandeya said:
16-17. Then the King chose a kingdom, imperishable even in another life, and in this life itself, his own kingdom wherein the power of his enemies is destroyed by force.
18. Then the wise merchant also, whose mind was full of dispassion for the world, chose the knowledge which removes the attachment (in the form of) ‘mine’ and ‘I’.
The Devi said:
19-21. O King, after slaying your foes in a few days, you shall obtain your own kingdom and it shall last with you there.
22-23. ‘And, when you are dead, you shall gain another birth from the Deva Vivasvat (Sun), and shall be a Manu on earth by name Savarni.
24-25. ‘and, O the best of merchants, I grant you the boon which you have desired of me. (Supreme) knowledge shall be yours, for your self-realization’. Markandeya said:
26-27. Having thus granted them both the boon that watch desired, the Devi disappeared forthwith, as they were extolling her with devotion.
28-29. Having thus gained the boon from the Devi, Suratha, the foremost of Kshatriyas, shall obtain a new birth through Surya (and of his wife Savarna), and shall be the Manu (eighth) named Savarni, shall be the Manu named Savarni.
Here ends the thirteenth chapter called ‘The bestowing of boons to Suratha and Vaisya’ of Devi-mahatmya in Markandeyapurana, during the period of Savarni, the Manu. Here ends the Devi-Mahatmya of 700 Mantras.
(extracted and corrected from website:

GVY: Devi Mahatmya (Traduzione Italiana)

La Devi Mahatmya è una raccolta di 700 Sloka (versetti) su Shri Durga dal Markanedeya Purana: Una traduzione in italiano è data qui sotto. Navaratri è celebrato quattro volte all'anno. L' Ashada Navaratri, lo Sharada Navaratri, il Maha Navaratri ed il Vasantha Navaratri. Di questi, gli Sharada Navaratri del mese di Puratashi ed il Vasantha Navaratri del Vasantha kala sono molto importanti. Se ci si riferisce all'agni purana, allora è detto che il Puratashi e Panguni (nei mesi Tamil) i.e. Asvin e Chaitra sono come le due mascelle del Dio Yama (Dio della morte). Se si vuole scappare dalla bocca di Yama si dovrebbe celebrare Navaratri in queste due occasioni. Un'analogia simile è presentata nel Devi Bhagavatam. Il Devi Bhagavatam parla anche in dettaglio su come si dovrebbero osservare i digiuni, e su come si deve meditare in questi giorni. Secondo la leggenda, Durga sedette sulla punta di un ago per nove giorni, mentre facendo penitenza per distruggere il cattivo demone Mahisha. Nei primi tre giorni meditò come Se Stessa, i successivi tre giorni come Mahalakshmi e gli ultimi tre giorni come Sarasvati. Questo significa procedere da tamsik, a rajasik a satvik ed eventualmente ottenere la liberazione. Il decimo giorno durante Sharada Navaratri è chiamato vijayadashami per significare la vittoria nel giorno di dashami. Comunque, è una vecchia tradizione leggere il devi-bhagavatam o la Devi Mahatmya (Durga Saptashati, 700 versi su Durga) durante questo periodo. Il Devi Bhagavatam nota che Rama meditò e digiunò per nove giorni dopo che Sita fu rapita da Ravana. Ci sono numerosi altri esempi su come la lettura del Durga Saptashati riesca ad esaudire le preghiere della gente. La lettura della Devi Mahatmya durante Navaratri sarà fatta come segue: (Basato su e-mail da S. A. Bhandarkar e M. Giridhar)\ \ Capitolo 1 (l'uccisione di Kaitabha e di Madhu) da leggere il 1° giorno, \ \ dal capitolo 2 al 4 (l'uccisione di Mahishasura) da leggere il 2° giorno, \ \ i capitoli 5 e 6 (l'uccisione di Dhumralochana) da leggere il 3° giorno, \ \ capitolo 7 (l'uccisione di Chanda e Munda) nel 4° giorno, \ \ il capitolo 8(l'uccisione di Raktabija) nel 5° giorno, \ \ i capitoli 9 e 10 (l'uccisione di Shumbha e Nishumbha) nel 6° giorno, \ \ il capitolo 11(Inni a Narayani) nel 7° giorno, \ \ il capitolo 12 (Phalastuti) nel 8° giorno, \ \ il capitolo 13 (Benedizioni a Suratha ed al Mercante) nel 9° giorno CAPITOLO 1: L'uccisione di Madhu e Kaitabha: Meditazione su Mahakali, faccio ricorso a Mahakali che ha dieci facce, dieci gambe e che ha nelle sue mani la spada, il disco, la mazza, le frecce, l'arco, il bastone, la lancia, il missile, la testa umana e la conchiglia, che ha tre occhi, adornata con ornamenti su tutti i suoi arti, e luminosa come un gioiello blu, e che Brahma creò per distruggere Madhu e Kaitabha, quando Vishnu era nel sonno mistico. Disse Markandeya (al suo discepolo Krasustuki Bhaguri): 1-3. Savarni, {Savarni si chiamò così perché lui era il figlio di Savarna, la moglie di Surya. Divenne Re Suratha nel secondo (Svarocisa) manvantara.} figlio di Surya, è chiamato l'ottavo Manu. Ascolta, mentre descrivo in dettaglio la sua nascita, su come Savarni, figlio illustre di Surya divenne il signore del (l'ottavo) Manvantara {Un ciclo della creazione è diviso in quattordici manvantara. Il periodo dominato da ogni Manu è chiamato un Manvantara. Perciò ci sonoquattordici Manu come segue: Svayambhuva, Svarocisa, Uttama, Tamasa, Raivata, Caksusa, Vaivasvata, Savarni, Daksha-savarni, Brahma-savarni, Dharma-savarni, Rudra-savarni, Deva-savarni, ed Indra-savarni. } dalla grazia di Mahamaya {Uno dei nomi della Madre Divina. }. 4-5. C'era una volta un re chiamato Suratha, nato dalla dinastia di Chitra, reggente sul mondo intero nel periodo di Svarocisa. proteggeva i suoi sudditi come fossero i suoi propri figli. A quel tempo i re che erano i distruttori del c divennero i suoi nemici. 6-7. Lui, il detentore di armi potenti, lottò una battaglia contro i distruttori di Kolas, ma fu sconfitto sebbene fossero una piccola forza. Tornò allora alla sua città, e regnò sul suo paese vinto. Poi quel re illustre fu attaccato da quei potenti nemici. 8-9. Anche nella sua città, il re, (ora) privo di forza, fu rubato della sua tesoreria ed esercito dai suoi potenti, viziosi e cattivo-disposti ministri. Da allora in poi, deprivato di questa sovranità, il re partì da solo a cavallo per una fitta foresta, sotto il pretesto di cacciare in pace. 10-11. Vide l'eremitaggio di Medhas là - il supremo fra i nati due volte- abitò da animali selvatici pacifici, e fu onorato dai discepoli del saggio. Intrattenuto dal saggio, Suratha passò un po' di tempo all'eremitaggio del grande saggio. 12-16. Là, preso dagli attaccamenti, precipitò nel pensiero, 'io non so se il capitale (quale era) ben protetto dai miei antenati e recentemente abbandonato da me è protetto rettamente o no dai miei servitori di cattiva condotta. Io non conosco che godimenti otterrà il mio elefante principale, eroico e sempre esaltato, ed ora precipitato nelle mani dei miei nemici. Quelli che erano i miei seguaci e ricevitori di favori, arricchiti e sfamati da me, ora certamente rendono ossequio agli altri re. Il tesoro che io raggruppai con grande cura sarà dissipato da quei spendaccioni che sono assuefatti a spese improprie.' 17-19. Il re stava pensando a queste e altre cose continuamente. Vicino l'eremitaggio del bramino vide un commerciante, e chiese a lui: 'Ho! Chi sei? Quale è la ragione del Tuo arrivo qui? Perché appari come se afflitto da dolore e depresso? ' Sentendo questo discorso del re, emesso in un spirito amichevole il commerciante si inchinò rispettosamente e rispose al re.
Disse il commerciante: 20-25. 'Io sono un commerciante chiamato Samadhi, nato in una famiglia ricca. Sono stato espulso dai miei figli e da mia moglie che sono avidi di ricchezza. Mia moglie e i miei figli si sono appropriati indebitamente della mia ricchezza, e mi privarono di tutto. Espulso dai miei fidati parenti, addolorato, sono venuto nella foresta. Venendo qui, non so cosa stia succedendo ai miei figli, parenti e moglie. Stanno bene o male? Come stanno? I miei figli stanno vivendo delle buone o cattive vite? ' disse Il re: 26-28. 'Perché la tua mente è legata affettuosamente a quella gente bramosa, i tuoi figli, la moglie ed altri che ti hanno spogliato della tua ricchezza? ' disse Il commerciante: 29-34. 'L'ho pensato nel momento in cui l'hai detto. Cosa posso fare? La mia mente non può diventare dura; provo affetto profondo per quelle molte persone che mi hanno portato fin qui nella loro avidità di ricchezza, mentre abbandonavano l'amore per un padre e l'affetto al padrone ed ai parenti. Non comprendo anche se, lo so. Oh re dal cuore nobile, com'è che la mente è portata ad amare anche parenti indegni. Quando penso a loro i miei sospiri si fanno pesanti e mi sento abbattuto. Cosa posso fare fino a quando la mia mente non diviene dura verso quegli insensibili? Disse Markandeya: 35-38. Poi Oh Bramino, il commerciante Samadhi ed il nobile re si avvicinarono insieme al saggio (Medhas); e dopo avere osservato l'etichetta degna di lui e come era corretto, si sedettero e conversarono (con lui) su dei temi. Disse il re: 39-45. 'Signore, io desidero chiedere a Lei una cosa. Sia lieto di rispondermi. Senza il controllo del mio intelletto, la mia mente è afflitta dal dolore. Sebbene abbia perso il regno, come un uomo ignorante - sebbene lo sappia - io ho un attaccamento a tutta le cose del mio regno. Com'è questo, Oh migliore tra i saggi? E questo commerciante è stato disconosciuto dai propri figli, moglie e servitori, e dimenticato dalla sua gente; e comunque è immoderatamente affettuoso verso loro. Così lui ed io, disegnati dall'attaccamento verso oggetti cui difetti noi conosciamo, siamo molto infelici. Come avviene quest'illusione sebbene noi ne siamo consapevoli? Questo senso di illusione mi assale così come a lui, accecati come siamo da questa discriminazione.' disse Il Rishi: 46-49. Signore, ogni essere ha la conoscenza di oggetti percepibili dai sensi. E l'oggetto dei sensi si trova in vari modi. Degli esseri sono ciechi di giorno, ed altri sono ciechi di notte; degli esseri hanno vista uguale sia di giorno che di notte. Gli esseri umani sono certamente dotati di conoscenza, ma loro non sono gli unici esseri (ad essere dotati così), anche bovini, uccelli, animali e altre creature hanno cognizione (degli oggetti dei sensi). 50-58. La conoscenza che gli uomini hanno, ce l'hanno anche gli uccelli e le bestie; e quello che loro hanno anche gli uomini possiedono; ed il resto (come mangiare e dormire) è comune ad entrambi. Guarda questi uccelli che sebbene possiedano conoscenza, sono comunque angosciati dalla fame, a causa dell'illusione, occupati nel lasciare cadere grani nei becchi dei loro figli. Gli esseri umani sono, oh tigre fra gli uomini, attaccati ai loro bambini a causa dell'avidità per un aiuto di ritorno. Non riesci a vedere questo? Così anche gli uomini sono risucchiati nel vortice degli attaccamenti, la depressione dell'illusione, attraverso il potere di Mahamaya (la Grande Illusione) che rende possibile l'esistenza del mondo. Non ti meravigliare di questo. Questa Mahamaya è lo Yoganidra di Vishnu, Dio del mondo. È da Lei che il mondo è ingannato. È Lei, Bhagavati, Mahamaya, che forzatamente disegna le menti, anche del saggio, e li fa cadere in inganno. Lei crea questo universo intero, ciò che si muove e che non si muove. È Lei che, quando i tempi sono propizi, diviene una benefattrice degli esseri umani per la loro liberazione finale. Lei è la conoscenza suprema, la causa della liberazione finale ed eterna; lei è la causa della servitù della trasmigrazione ed la sovrana su tutti i signori.
Disse il re: 59-62. "Venerabile Signore, chi è quella Devi (dea) che Lei chiama Mahamaya? Come apparve, e qual'è la sua sfera di azione, O Brahmana? Cosa costituisce la sua natura? Quale è la sua forma? Da dove si originò? Questo è tutto ciò che io desidero sentire, O Lei supremo fra i conoscitori del Brahman."
Disse il Rishi: 63-71. Lei è eterna, incarnata come Universo. Da lei tutto l'universo è pervaso. Ciononostante lei si incarna in molteplici forme; ascoltami. Quando lei si manifesta per portare a termine gli scopi degli dei, si dice che lei sia nata nel mondo, sebbene sia eterna. Alla fine di un kalpa quando l'universo era un oceano (con le acque del diluvio) e l'adorabile Dio Vishnu distese Sesa (ndt: il cobra veicolo di Vishnu) e cadde nel sonno mistico, i terribili e conosciuti asura (demoni) Madhu e Kaitabha, nati dall'immondizia degli orecchi di Vishnu cercarono di uccidere Brahma; Brahma, il padre di tutti gli esseri era seduto nel loto che fuoriesce dall'ombelico di Vishnu. Vedendo addormentati questi due fieri asura e Janardhana, e volendo svegliare Hari, (Brahma) con mente concentrata lodò la dea Yoganidra, mentre passava negli occhi di Hari. Il Dio risplendente Brahma celebrò l'incomparabile Dea di Vishnu, Yoganidra la regina del cosmo, la sostenitrice dei mondi, la causa della nascita e della dissoluzione (dell'universo). 72-74. Disse Brahma: "Tu sei Svaha e Svadha. Tu sei veramente Vasatkara ed incarnazione di Svara. Tu sei il nettare. Oh eterna ed imperitura, Tu sei l'incarnazione del triplice mantra. Tu sei veramente colei la quale non può essere pronunciata specificamente. Tu sei Savitri e la Madre suprema degli dei. 75-77. "Da Te questo universo è sostenuto, da Te questo mondo è creato. Da Te è protetto, Oh Devi e da Te alla fine è sempre distrutto. Oh Tu che sei (sempre) la forma del mondo intero, al tempo della creazione Tu sei la forma della forza creativa, al tempo del mantenimento Tu sei la forma del potere protettivo, ed al tempo della risoluzione del mondo Tu sei la forma del potere distruttivo. C la conoscenza suprema così come la grande ignoranza, il grande intelletto e la contemplazione, come anche la grande illusione, la grande devi (dea) come anche la grande asuri (demone). 78-81. "Tu sei la causa primordiale di tutto, apportando forza alle tre qualità (i tre dosha). Tu sei la notte scura del ciclo di dissoluzione. Tu sei la grande notte della risoluzione finale, e la terribile notte dell'illusione. Tu sei la dea della buona fortuna, la regnante, la modestia, l'intelligenza caratterizzata dalla conoscenza, la timidezza, il nutrimento, l'appagamento, la tranquillità e l'indulgenza. Armata con la spada, la lancia, il bastone, il disco, la conchiglia, l'arco, le frecce, fionde e mazza di ferro, Tu sei terribile (ed allo stesso tempo) Tu sei accomodante, più piacevole di tutte le cose piacevoli e molto bella. Tu sei davvero la suprema Isvari, oltre l'alto e il basso. 82-87. "E comunque e dovunque una cosa esista, cosciente (reale) o non-cosciente (irreale), qualsiasi potere possegga è Te stessa. Oh Tu che sei l'anima di tutto, come posso celebrarTi (più di così)? Da Te, anche colui che crea, sostiene e divora il mondo, è messo a dormire. Chi qui è capace di celebrarti? Chi è capace di lodarti, Tu che ha creato tutti noi, Vishnu, io e Shiva, Tu che prendi le nostre forme incarnate? Oh Devi, mentre essendo così lodata, streghi questi due inattaccabili demoni Madhu e Kaitabha coi tuoi poteri superiori. Lascia che Vishnu, il Padrone del mondo, sia svegliato rapidamente dal sonno e tiri fuori la sua natura per uccidere questi due grandi demoni."
Disse Il Rishi: 88-95. La Devi dell'illusione così celebrata da Brahma, il creatore, per svegliare Vishnu e distruggere Madhu e Kaitabha, uscì dai Suoi occhi, bocca, narici, braccio, cuore e seno, ed apparve alla vista di Brahma di nascita inscrutabile. Janardana, Dio dell'universo, da Lei abbandonato, si alzò dal trono sull'oceano universale, e vide quei due demoni malvagi, Madhu e Kaitabha, di grande eroismo e potere, con occhi rossi di rabbia, che stavano tentando di divorare Brahma. Quindi il Bhagavan Vishnu che tutto pervade si svegliò e lottò con i demoni per cinquemila anni, usando le sue proprie braccia come armi. E loro, impazziti dal potere in eccesso, ed illusi da Mahamaya, esclamarono a Vishnu, "Chiedici un beneficio."
Bhagavan (Vishnu) disse: 96-98. "Se voi siete già soddisfatti, dovete entrambi essere uccisi da me ora. Che bisogno c'è di alcun altro beneficio? La mia scelta è questa."
Disse Il Rishi: 99-101. Quei due demoni, così stregati (da Mahamaya), guardando fisso il mondo intero trasformatosi in acqua, dissero a Bhagavan dall'occhio di loto: ' Uccidici nel posto dove la terra non è allagata dall'acqua.'
Disse Il Rishi: 102-104. Dicendo 'così sia', Bhagavan(Vishnu), il grande detentore della conchiglia, disco e mazza, li prese sui Suoi fianchi e là troncò le loro teste col Suo disco. Così Lei (Mahamaya) apparve quando fu lodata da Brahma. Ora ti dico dai ascolto di nuovo alla gloria di questa Dea. Qui finisce il primo capitolo chiamato "L'uccisione di Madhu e Kaitabha" del Devi Mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 2: Sconfitta degli eserciti di Mahishasura Meditazione su Mahalakshmi, faccio ricorso a Mahalakshmi, la distruttrice di Mahishasura, che è seduta sul loto, è della carnagione di corallo e che tiene nelle sue (diciotto) mani il rosario, l'ascia, la mazza, la freccia, il fulmine, il loto, l'arco, la brocca, la verga, la shakti (la potenza), la spada, lo scudo, la conchiglia, la campana, la tazza di vino, il tridente, il cappio ed il disco Sudarshana. Disse il Rishi: 1-3. In passato quando Mahishasura era il signore dei demoni ed Indra il signore degli dei, c'era una guerra tra deva ed asura che durava da cento anni. L'esercito dei deva fu vinto dall'asura valoroso. Dopo avere conquistato tutti i deva, Mahishasura divenne il signore di cielo (Indra). 4-5. Poi i deva vinti capeggiati da Brahma, il signore di tutti gli esseri, andarono da Shiva e Vishnu. I deva descrissero in dettaglio, cosa era accaduto, la storia della loro sconfitta con Mahishasura. 6-8. 'Lui (Mahishasura) ha preso le giurisdizioni di Surya, Indra, Agni, Vayu, Chandra, Yama e Varuna ed altri (deva). Buttati giù dal Cielo da quel malvagio Mahisha la schiera dei deva vagano sulla terra come mortali. Tutti quelli che sono stati sconfitti dal nemico dei deva, ricorrono a Voi, e anche noi abbiamo cercato ricovero sotto di Voi. Possiate entrambi essere lieti di escogitare i mezzi della sua distruzione.' 9. Avendo così sentito le parole dei deva, Vishnu era adirato ed anche Shiva, e le loro facce divennero furiose e arcigne. 10-11. Uscì una grande luce dalla faccia di Vishnu che era pieno di un'intensa rabbia, ed anche da quella di Brahma e Shiva. Anche dai corpi di Indra e degli altri deva zampillò una luce molto grande. E (tutta) questa luce si unì insieme. 12-13. I deva videro una concentrazione di luce come una montagna che arde eccessivamente, pervadendo tutto con le sue fiamme. Poi quella luce unica, prodotta dai corpi di tutti i deva, che pervade i tre mondi con la sua luce, combinata in uno, divenne una forma femminile. 14-15. Da quella che era la luce di Shiva, si formò la sua faccia; da Yama i suoi capelli, dalla luce di Vishnu le sue braccia; e da Chandra i due seni. Dalla luce di Indra la sua vita, da Varuna i suoi stinchi e cosce e dalla luce della Terra le sue anche. 16-18. Dalla luce di Brahma si formarono i suoi piedi; dalla luce di Surya le sue dita del piede, da Vasus le sue dita, da Kubera il suo naso; dalla luce di Prajapati i suoi denti e similmente dalla luce di Agni furono formati i suoi tre occhi . La luce dei due sandhya divenne le sopracciglia, la luce di Vayu i suoi orecchi; anche la manifestazione delle luci di altri deva contribuì alla formazione della propizia Devi. 19. Poi guardando coLei che era nata dalle luci assemblate di tutti i deva, gli immortali che furono oppressi da Mahishasura sperimentarono la gioia. 20-21. Il portatore di Pinaka (Shiva) tirando fuori un tridente dal suo proprio tridente lo presentò a Lei; Vishnu produsse un disco dal suo proprio disco e glielo diede. Varuna le diede una conchiglia, Agni una lancia; e Maruta le diede un arco così come due faretre piene di frecce. 22-23. Indra, signore dei deva, produsse un fulmine dal suo proprio fulmine ed una campana da quella del suo elefante Airavata, e glieli diede. Yama le diede un oggetto dai suoi propri oggetti di Morte e Varuna, il signore delle acque, un cappio; e Brahma, il signore di tutti gli esseri le diede una rosario ed una pentola per l'acqua. 24. Surya (il Sole) le diede i suoi raggi su tutti i pori della sua pelle e Kala (il Tempo) le diede una spada immacolata ed uno scudo. 25-29. L'oceano di latte le diede una collana pura, un paio di indumenti indistruttibili, una corona divina, un paio di orecchini, braccialetti, una brillante mezzaluna(ornamento), bracciali su tutte le braccia, un paio di brillanti catenine da caviglia, una collana unica ed anelli eccellenti su tutte le dita. Visvakarman le diede un'ascia molto brillante, armi di varie forme ed anche una impenetrabile armatura. L'oceano le diede una ghirlanda di fiori di loto inalterabile per la sua testa ed un altra per il suo petto, inoltre un loto molto bello nella sua mano. (la montagna) Himavat le diede un leone da cavalcare con vari gioielli. 30-33. Il Dio della Ricchezza (Kubera) le diede una tazza sempre piena di vino. Sesha, il signore di tutti i serpenti che sostengono questa terra le diede un serpente-collana adornato coi più belli gioielli. Onorata allo stesso modo anche dagli altri deva con ornamenti ed armi, Lei (la Devi) ruggì forte con una risata denigratoria più volte. Dal Suo ruggito senza fine, molto grande e terribile, il cielo intero è stato riempito, e c'era un grande riverbero. Tutti i mondi si scuoterono, i mari tremarono. 34-46. La terra tremò e tutte le montagne dondolarono. "Vittoria a Te", esclamarono con gioia i deva, "oh cavalcatrice del leone". I saggi, che inchinarono i loro corpi in devozione, la celebrarono. Vedendo i tre mondi agitati dai nemici dei deva, essi mobilitarono tutti i loro eserciti e si innalzarono insieme con le armi sollevate. Mahishasura, esclamando con collera 'Ha! Cos'è questo? ' corse verso quel ruggito, circondato da innumerabili demoni. Poi vide la Devi che pervade i tre mondi in tutto il suo splendore. Scuotendo la terra col suo passo, sfregando il cielo col suo diadema, scuotendo i mondi inferiori col suono metallico della corda d'arco, e stando là pervadeva tutto con le sue mille braccia. Poi cominciò una battaglia tra la Dea ed i nemici dei deva nella quale tutti i lati del cielo erano illuminati dalle armi e dalle braccia che si scontravano. Combatterono il generale di Mahishasura, un grande asura chiamato Ciksura e Camara, assistiti da forze che comprendono quattro parti ed altri (asura). Diedero battaglia un grande asura chiamato Udagra con sessantamila carri, e Mahahanu con dieci milioni (di carri). Asiloman, un altro grande asura, con quindici milioni (di carri), e Baskala con sei milioni. Alla battaglia combatterono Privarita con molte migliaia di elefanti e cavalli, e circondato da dieci milioni di carri. Un asura chiamato Bidala lottò in quella battaglia circondato con cinquecento crore (unità di misura indiana) di carri. E altri grandi asura, migliaia in numero, circondati da carri, elefanti e cavalli lottarono con la Devi in quella battaglia. 47-48. Mahishasura era circondato in quella battaglia da migliaia di crore di cavalli, elefanti e carri. Altri (asura) lottarono nella battaglia contro la Devi con mazze di ferro e giavellotti, con lance e bastoni, con spade, asce ed alabarde. Alcuni lanciarono lance ed altri i cappi. 49-58. Loro cominciarono a colpirla con le spade per ucciderla. Mostrando le sue armi, quella Devi Chandika molto facilmente tagliò in pezzi tutte quelle armi e braccia. Senza alcun sforzo sulla sua faccia, e con dei e saggi che la celebrano, l'Isvari si gettò con le sue armi verso i corpi degli asura. Ed il leone che porta la Devi, scuotendo la sua criniera in ira, camminava impettito fra l'armata degli asura come una conflagrazione tra le foreste. I sospiri che Ambika, occupata nella battaglia, emise subito divennero i suoi battaglioni in centinaia e migliaia. Stimolati dal potere della Devi, questi (i battaglioni) lottarono con asce, giavellotti, spade, alabarde e distrussero gli asura. Di questi battaglioni, alcuni battevano i tamburi, alcuni soffiavano le conchiglie ed altri suonavano tamburelli in quella grande festa marziale. Poi la Devi uccise un centinaio di asura col suo tridente, col bastone, con una pioggia di lance, con spade di vario tipo, e ne fece cadere altri che furono istupiditi dal rumore della sua campana; e legandone altri col suo cappio, li trascinò a terra. Alcuni furono divisi in due dai tagli acuti della sua spada, ed altri, fracassati dai colpi della sua mazza caddero a terra; ed alcuni battuti severamente con il bastone vomitarono sangue. 59-61. Trafitti nel petto dal suo tridente alcuni caddero a terra. Trafitti dappertutto dalle sue frecce e assomigliando a porcospini, alcuni dei nemici dei deva abbandonarono le loro vite su quel campo di battaglia. Alcuni avevano le loro braccio tagliate, alcuni i loro colli rotti, le teste di altri rotolate in giù; altri sono stati spezzati in due, ed altri grandi asura caddero a terra con le loro gambe troncate. 62. Alcuni seppur resi con un solo braccio, o un occhio solo, o con una gamba sola erano spaccati di nuovo in due dalla Devi. Ed altri, sebbene resi senza testa, caddero e si rialzavano di nuovo. 63. Tronchi senza testa lottarono con la Devi con le migliori armi nelle loro mani. Alcuni di questi tronchi senza testa ballarono nella battaglia al ritmo degli strumenti musicali. 64-65. I tronchi di altri grandi asura, con ancora le loro spade e lance nelle loro mani, gridarono alla Devi con le loro teste appena troncate, 'Ferma, si fermi.' Quella parte di terra dove fu combattuta la battaglia divenne impraticabile con gli asura, elefanti e cavalli e carri che erano stati abbattuti. 66-67. Il sangue profuso dagli asura, elefanti e cavalli immediatamente fluì in grandi fiumi tra quel esercito di asura. Come il fuoco consuma un mucchio di paglia e legno, così faceva Ambika distruggendo in poco tempo quell'enorme esercito di asura. 68-69. Ed il suo leone, tuonando ad alta voce con la criniera tremante, vagava in cerca di preda nel campo di battaglia mentre sembrava facesse uscire gli aliti vitali dai corpi dei nemici dei deva. In quel campo di battaglia i battaglioni della Devi lottarono in tale maniera con gli asura che i deva in Cielo li celebrarono con una pioggia di fiori. Qui finisce il secondo capitolo chiamato "Sconfitta degli eserciti di Mahishasura" della Devi-Mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 3: L'Uccisione di Mahishasura Disse il Rishi: 1-2. Poi Ciksura, il grande generale asura, vedendo che l'esercito era stato battuto (dalla Devi), avanzò rabbioso per combattere con Ambika. 3. Quell'asura, nella battaglia, fece cadere sulla Devi una pioggia di frecce come una nube bagna di pioggia la cima del Monte Meru. 4. Poi la Devi, facendo a pezzi facilmente tutte le frecce, uccise con l'arco i suoi cavalli ed il loro cavaliere. 5. Ad un tratto il suo arco e e l'alta bandiera le furono spezzati, ma con le sue frecce si abbatté sul corpo di quell'asura che le aveva spezzato l'arco. 6. Il suo arco fracassato, il suo carro rotto, i suoi cavalli uccisi ed il suo auriga pure, l'asura armato di spada e scudo si avventò sulla Devi. 7. Rapidamente ferì il leone sulla testa con la sua spada affilata e colpì anche la Devi sul suo braccio sinistro. 8. Oh re, la sua spada si ruppe in pezzi come toccò il braccio della Devi. Al che, i suoi occhi diventati rossi di rabbia, estrasse la sua alabarda. 9. Poi il grande asura lanciò a Bhadrakali l'alabarda, ardendo luminoso, come se stesse scagliando via il sole dai cieli. 10. Vedendo arrivare l'alabarda su di lei, la Devi lanciò la sua alabarda fracassandola in mille pezzi insieme al grande asura stesso. 11. Il coraggioso generale di Mahishasura era stato stato ucciso. Camara, il flagello dei deva, montato su un elefante, avanzò. 12. Lanciò anche lui la sua lancia alla Devi. Ambika l'assalì rapidamente con un grido, oscurandola e facendola cadere a terra. 13. Vedendo la sua lancia rotta e caduta, Camara, pieno d'ira, lanciò un'alabarda, e lei ruppe anche quella con le sue frecce. 14. Poi il leone, balzando su e sedendosi al centro della fronte dell'elefante, prese parte esso stesso ad lotta mano a mano con quel nemico dei deva. 15. Lottando, i due caddero poi giù a terra dalla schiena dell'elefante, e lottarono molto impetuosamente,dandosi i colpi più terribili l'un l'altro. 16. Poi il leone, saltando su rapidamente al cielo e discendendo, troncò la testa di Camara con un colpo dalla sua zampa. 17. Ed Udagra fu ucciso nella battaglia dalla Devi con pietre, alberi ed altro ancora, e pure Karala fu colpito dai suoi denti e pugni e ceffoni. 18. Adirata, la Devi ridusse Uddhata in polvere coi colpi del suo bastone, ed uccise Baskala con un dardo e distrusse Tamra ed Andhaka con le frecce. 19. L'Isvari Suprema dai tre occhi uccise anche Ugrasya ed Ugravirya e Mahahanu col suo tridente. 20. Con la sua spada fece cadere la testa di Bidala dal suo corpo, ed inviò Durdhara e Durmudha, alla dimora della Morte con le sue frecce. 21. Così come era stato distrutto il suo esercito, Mahishasura terrorizzò le truppe della Devi con la sua forma di bufalo indiano. 22. Alcuni furono messi a terra da un colpo del suo muso, alcuni scalciati dai suoi zoccoli, alcuni dalle frustate della sua coda, ed altri colpiti dalle sue corna. 23. Alcuni furono messi a terra dalla sua velocità impetuosa, alcuni dal suo movimento urlante e rotatorio ed altri dal colpo di vento del suo alito. 24. Avendo steso il suo esercito, Mahishasura accorse per uccidere il leone di Mahadevi. Questo irritò Ambika. 25. Mahishasura, grande in valore, pestò con ira la superficie della terra coi suoi zoccoli, scosse le montagne con le sue corna ed urlò terribilmente. 26. Schiacciata dalla velocità del suo girare la terra si disintegrò e, frustato dalla sua coda, il mare straripò tutt'intorno. 27. Forate dalla sue corna oscillanti, le nubi andarono in frammenti. Gettate su dal colpo di vento del suo alito, centinaia di montagne precipitarono giù dal cielo. 28. Vedendo il grande asura gonfiato d'ira che avanzava verso di lei, Chandika tirò fuori tutta la sua collera per ucciderlo. 29. Lanciò il suo cappio verso di lui e legò il grande asura. Così legato nella grande battaglia, lui cambiò la sua forma di bufalo indiano. 30. Poi lui divenne improvvisamente un leone. Mentre Ambika tagliò la testa (della sua forma di leone), lui prese l'aspetto di un uomo con la spada in mano. 31. Immediatamente la Devi con le sue frecce tagliò l'uomo insieme alla sua spada ed al suo scudo. Poi lui divenne un grande elefante. 32. (L'elefante) attaccò il suo grande leone con la schiena e barrì rumorosamente, ma mentre si stava trascinando, la Devi tagliò il suo tronco con la sua spada. 33. Il grande asura riprese poi la sua forma di bufalo indiano e scosse i tre mondi insieme ai loro oggetti mobili ed immobili. 34. Adirata, Chandika, la Madre dei mondi bevve a gran sorsi di nuovo e di nuovo una coppa di vino sacro, e rise, i suoi occhi divennero rossi. 35. Ed anche l'asura ruggì inebriato dalla sua forza e valore, e lanciò le montagne contro Chandika con le sue corna. 36. E lei con piogge di frecce polverizzò quelle montagne che le erano state lanciate, e gli parlò con parole agitate, i colori della sua faccia si accentuarono con l'ebbrezza del vino sacro. Disse la Devi: 37-38. 'Ruggisci, ruggisci, Oh pazzo, per un momento mentre io bevo questo vino. Quando sarai ucciso da me, i deva urleranno presto in questo luogo.' disse Il Rishi: 39-40. Avendo esclamato così, lei saltò ed atterrò su quel grande asura, lo pigiò sul collo col suo piede e lo colpì con la sua lancia. 41. E quindi, preso sotto il suo piede, Mahishasura uscì fuori a metà (nella sua vera forma) dalla bocca del bufalo, essendo completamente superato dal valore della Devi. 42. Lottando così con la sua forma mezzo-rivelata, il grande asura fu steso dalla Devi che colpì via la sua testa con la sua grande spada. 43. Poi, piangendo in costernazione, l'intero esercito degli asura perì; e tutta la folla dei deva esultò.
44. Coi grandi saggi del Cielo, i deva lodarono la Devi. I capi dei Gandharva cantarono ed i gruppi di apsara ballarono. Qui finisce il terzo capitolo chiamato "L'Uccisione di Mahishasura" del Devi-mahatmya dal Markandeya Purana durante il periodo di Savarni, il Manu.
CAPITOLO 4: La Devi StutiDisse il Rishi: 1-2. Quando quel coraggioso ma malvagio Mahishasura e l'esercito di quel nemico dei deva furono distrutti dalla Devi, Indra e la schiera dei deva pronunciarono le loro parole di encomio, i loro colli e spalle riverentemente chinati, e i loro corpi resi belli dalla pelle d'oca e dall'esultanza: 3. "Ad Ambika che è degna dell'adorazione di tutti i deva e saggi e che pervade questo mondo con il suo potere e che è l'incarnazione dei poteri interi di tutta la schiera dei di deva, noi ci inchiniamo in devozione. Possa Tu accordarci cose di lieto auspicio! 4. "Possa Chandika, la cui incomparabile grandezza e potere Bhagavan Vishnu, Brahma e Hara sono incapaci di descrivere, porgere la sua mente per proteggere il mondo intero e distruggere la paura del male. 5. "Oh Devi, noi ci inchiniamo a te che sei la buona fortuna nelle abitazioni dei virtuosi e la sfortuna in quelle dei viziosi, l'intelligenza nei cuori dei dotti, la fede nei cuori dei buoni, e la modestia nei cuori dei nobili. Possa Tu proteggere l'universo! 6. "Oh Devi, come possiamo descrivere la Tua forma inconcepibile, o il Tuo eccellente ed abbondante valore che distrugge i demoni, o i Tuoi meravigliosi atti di valore mostrati in battaglia fra tutte le schiere degli dei, asura ed altri? 7. "Tu sei l'origine di tutti i mondi! Sebbene Tu sia posseduta dai tre guna (passione, ignoranza, virtù) non hai nessuno dei loro difetti principali (come la passione)! Tu sei incomprensibile anche a Vishnu, Shiva ed altri! Tu sei il rifugio di tutti! Questo mondo intero è composto di una porzione infinitesimale di Te! Tu sei la suprema primordiale Prakriti (Natura) non trasformata. 8. "Oh Devi, Tu sei Svaha e Svada alla cui espressione l'intera assemblea degli Dei ottiene soddisfazione in tutti i sacrifici. Perciò Tu sei cantata dalla gente (come Svaha e Svadha nei Sacrifici). 9. "Oh Devi, Tu sei Bhagavati, il Vidya supremo che è la causa della liberazione ed il grande straordinario sacrificio (sono le ragioni per la Tua realizzazione). Tu (la conoscenza suprema) sei coltivata da saggi che desiderano la liberazione, i cui sensi si sono ben contenuti, che sei dedicata alla Realtà e hai dissipato tutte le macchie. 10. "Tu sei l'anima di Sabda-Brahman. Tu sei il ricettacolo del puro Rig-veda e degli inni Yajus, e di Samans, il racconto le cui parole sono belle quanto l'Udgitha! Tu sei Bhagavati che incarna i tre Veda. E Tu sei il sostentamento dal quale la vita è mantenuta. Tu sei la suprema distruttrice del dolore di tutti i mondi. 11. "Oh Devi, Tu sei l'Intelletto dal quale è compresa l'essenza di tutte le sacre scritture. Tu sei Durga, la barca che prende gli uomini attraverso l'oceano difficile dell'esistenza mondana, priva di attaccamenti. Tu sei Shri che ha preso la sua dimora nel cuore di Vishnu invariabilmente. Tu sei davvero Gauri che si è stabilita con Shiva. 12. "Sorridendo dolcemente, pura, che assomiglia al globo della piena luna, bella come lo splendore d'oro eccellente la Tua faccia era! Ancora é molto strano che, essendo dominato dalla rabbia, Mahishasura colpì improvvisamente la Tua faccia quando la vide. 13. "Molto strano è che dopo avere visto la Tua faccia adirata, Oh Devi, terribile con i suoi aggrottamenti di ciglia e rossa di colore come la luna sorgente, quel Mahishasura non abbandonò immediatamente la sua vita! Chi può vivere dopo avere visto la Distruttrice adirata? 14. "Oh Devi, sii propizia. Tu sei Suprema. Se adirata, Tu distruggi immediatamente le famiglie di demoni per il benessere (del mondo). Questo si seppe dal momento in cui gli estesi eserciti di Mahishasura furono portati alla loro fine. 15. "Tu che sei sempre generosa, con chi sei ben soddisfatta, quei (fortunati) sono davvero l'oggetto di stima nel paese, loro sono le ricchezze, loro sono le glorie, ed i loro atti di rettitudine non periscono; loro sono davvero benedetti e possiedono bambini, servitori e mogli devoti. 16. "Dalla Tua grazia, Oh Devi, l'individuo benedetto fa quotidianamente tutti gli atti retti con la massima cura e con ciò raggiunge il Paradiso. Non sei, perciò Oh Devi, l'elargitrice di ricompensa in tutti i tre mondi? 17. "Quando richiamata alla mente in un passaggio difficile, Tu rimuovi la paura da ogni persona. Quando richiamata alla mente da gente felice, Tu porgi un pensiero che favorisca anche le persone pie. Quale dea se non Te, Oh Dissipatrice della povertà, si addolora e ha paura, ha un cuore sempre comprensivo per aiutare ognuno? 18. "Il mondo raggiunge la felicità dall'uccisione di questi (nemici) e sebbene questi (asura) hanno commesso peccati per tenerli a lungo in inferno, permetti loro di arrivare in cielo incontrando la morte in battaglia contro di te. Ed è pensando così, che Tu, Oh Devi certamente distruggi i nostri nemici. 19. "Non riduci in cenere ogni asura al solo sguardo? Ma Tu dirigi le Tue armi contro loro così che anche i nemici, purificati dai missili, possono raggiungere i mondi più alti. Tale è la Tua intenzione più gentile verso loro. 20. "Se gli occhi degli asura non sono stati messi fuori gioco dai bagliori terribili della massa di luce che proviene dalla Tua spada o dal copioso lustro della Tua alabarda, è perché loro videro anche la Tua faccia che assomiglia alla luna mentre distribuisce (freschi) raggi. 21. "Oh Devi, la Tua natura è soggiogare la condotta del cattivo; questa Tua bellezza incomparabile è inconcepibile per altri; il Tuo potere distrugge quelli che hanno rubato i deva della loro prodezza, e Tu così hai manifestato anche la Tua compassione verso i nemici. 22. "A cosa può essere comparata la Tua prodezza? Dove si può trovare una bellezza così incantevole, che mette una paura impressionante ai nemici? La compassione nel cuore e l'implacabilità in battaglia sono, Oh Devi, Oh Elargitrice di vantaggi, solamente in Te in tutti i tre mondi! 23. "E' tramite la distruzione dei nemici che tutti questi tre mondi sono stati salvati da Te. Avendoli uccisi nella battaglia, Tu hai condotto anche quelle schiere di nemici al Cielo, e Tu hai dissipato la nostra paura dai frenetici nemici dei deva. Saluti a Te! 24. "Oh Devi, proteggici con la Tua lancia. Oh Ambika, proteggici con la Tua spada, proteggici con il suono della Tua campana e con il suono metallico della corda del Tuo arco. 25. "Oh Chandika, proteggici ad est, ad ovest, nord e sud con il brandire della Tua lancia. Oh Iswari! 26. "Proteggi noi e la terra con quelle belle forme dei Tuoi movimenti nei tre mondi, come anche con le Tue inescludibili forme terribili. 27. "Oh Ambika, proteggici su ogni lato con la Tua spada, lancia e bastone e qualsiasi altra arma la Tua mano abbia toccato." Disse Il Rishi: 28-30. Così la sostenitrice dei mondi fu lodata dai deva, adorata con fiori celestiali che sono fioriti a Nandana e con profumi ed unguenti; e con devozione tutti loro offrirono a Lei incenso paradisiaco. Benignamente, con espressione serena Lei parlò a tutti i deva.
Disse la Devi: 31-32. "Scegliete, Oh deva, qualunque cosa desiderate da me. (Gratificata immensamente con questi inni, io l'accordo col grande piacere)". I deva dissero:
33-34. "Da quando il nostro nemico, questo Mahishasura, è stato ucciso da Bhagavati (Tu) tutto è stato portato a termine, e nulla rimane da fare.
35. 'E se un vantaggio ci sarà accordato da Te, Oh Mahesvari, ogni qualvolta noi pensiamo di nuovo a Te, distruggi le nostre calamità dirette. 36-37. "Oh madre immacolata, ed a qualsiasi mortale Ti loderà con questi inni, possa Tu, che sei divenuta graziosa verso di noi, essere anche moglie, e le altre fortune insieme alla ricchezza, alla prosperità ed alla vita, Oh Ambika!". Disse Il Rishi: 38-39. Oh Re, essendo così propiziata dai deva nell'interesse del mondo e per loro propria causa, Bhadrakali disse: "Così sia" e svanì dalla loro vista. 40. Così ho narrato, Oh Re, come la Devi che desidera la fortuna di tutti i tre mondi estese il suo aspetto antico dai corpi dei deva. 41-42. E di nuovo come, essendo benefattrice dei deva, lei apparve nella forma di Gauri per uccidere il malvagio asura così come Shumbha e Nishumbha, e per la protezione di mondi, ascolta come ti riferisco ciò che accadde. Qui finisce il quarto capitolo chiamato "Il Devi Stuti " del Devi-mahatmya dal Markandeya-Purana durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 5: La conversazione della Devi col messaggero Meditazione di Mahasaraswati io medito sull'incomparabile Mahasaraswati che tiene nelle sue (otto) mani di loto la campana, il tridente, l'aratro, la conchiglia, la mazza, il disco, l'arco e la freccia; che splende come distruttrice di Shumbha e altri asura, che è emanata dal corpo di Parvati ed è il substrato dei tre mondi.
Disse il Rishi: 1-2. Ci fu tempo in cui la sovranità di Indra sui tre mondi e sui sacrifici fu portata via dagli asura Shumbha e Nishumbha con la forza del loro orgoglio e potere. 3. I due, presero il posto del sole, della luna, di Kubera, di Yama e Varuna. 4. Esercitarono l'autorità di Vayu ed il dovere di Agni. Privati delle loro sovranità, i deva furono sconfitti. 5. Privati delle loro funzioni ed espulsi da questi due grandi asura, tutti i deva pensarono all'invincibile Devi. 6. 'Lei ci aveva accordato il vantaggio: "Ogni qualvolta nella calamità voi pensate a me, in quello stesso momento io porrò fine a tutte le vostre calamità peggiori". ' 7. Risolvendo così, i deva andarono da Himavat, signore delle montagne e là celebrarono la Devi che è il potere illusorio di Vishnu. I deva dissero: 8-9. "Saluti alla Devi, alla Mahadevi. Saluti a Lei che sempre è di lieto auspicio. Saluti a Lei che è la causa primordiale ed il potere che sostiene. Con attenzione, noi ci inchiniamo a Lei. 10. "Saluti a Lei che è terribile, a Lei che è eterna. Saluti a Gauri, la sostenitrice dell'Universo. Saluti sempre a Lei che è della forma della luna, che è luce lunare e la felicità stessa. 11. "Noi ci inchiniamo a Lei chi è benessere; noi facciamo i saluti a Lei che è la prosperità ed il successo. Saluti alla consorte di Shiva che è la buona fortuna così come la sfortuna dei re. 12. "I saluti sempre a Durga che prende con se chi è attraversato dalle difficoltà, che è l'essenza, che è l'autorità di tutto; che è conoscenza della discriminazione e che è anche di carnagione blu-nera come il fumo. 13. "Noi ci prostriamo di fronte a Lei che è allo stesso tempo la più gentile e la più terribile; noi la salutiamo di nuovo e di nuovo. Saluti a Lei che è il sostegno del mondo. Saluti alla devi che è la forma dell'atto di volontà. 14-16. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che tra tutti gli esseri è chiamata Vishnumaya. 17-19. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri come coscienza; 20-22. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma dell'intelligenza; 23-25. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma del sonno; 26-28. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma di fame: 29-31. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della riflessione; 32-34. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma del potere. 35-37. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della sete; 38-40. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma del perdono; 41-43. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della specie; 44-46. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della modestia; 47-49. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della pace; 50-52. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della fede; 53-55. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della bellezza; 56-58. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della buona fortuna; 59-61. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma dell'attività; 62-64. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della memoria; 65-67. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della compassione; 68-70. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma dell'appagamento; 71-73. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma della madre; 74-76. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che risiede in tutti gli esseri nella forma dell'errore; 77. "Saluti di nuovo e di nuovo alla Devi che tutto pervade e che continuamente presiede sui sensi di tutti gli esseri e (governa) tutti gli elementi; 78-80. "Saluti di nuovo e di nuovo a Lei che, pervadendo il mondo intero, risiede nella forma della coscienza. 81. "Invocata a lungo dai deva nell'interesse del loro oggetto desiderato, ed adorata dal signore dei deva ogni giorno, possa lei, l'Isvari, la fonte di tutte le bontà, porti a termine per noi tutte le cose di lieto auspicio e ponga fine alle nostre calamità! 82. "E chi ora è di nuovo, riverita da noi, deva, tormentati da asura arroganti e chi, chiamata da noi con devozione, distrugge in questo momento tutte le nostre calamità.". Disse Il Rishi: 83-84. Oh Principe, mentre i deva erano così impegnati in encomi e negli altri atti dell'adorazione, Parvati venne là per bagnarsi nelle acque del Gange. 85. Lei, dalla bella fronte , disse a quei deva, "Chi è lodato da voi qui? ' Una dea di lieto auspicio, zampillata dal suo corpo diede la replica: 86. "Questo inno è indirizzato a me dall'assemblea dei deva non tenuti in alcun conto dall'asura Shumbha ed portati alla battaglia da Nishumbha. 87. Poiché quella Ambika uscì dal corpo di Parvati (Kosa), lei è glorificata come Kaushiki in tutti i mondi. 88. Dopo che lei fu uscita, Parvati divenne scura e fu chiamata Kalika e si collocò sul monte Himalaya. 89. Poi, Chanda, e Munda, due servitori di Shumbha e Nishumbha, videro che Ambika (Kaushiki) stava generando un'eccellente forma affascinante. Tutti e due dissero a Shumbha: 90. "Oh Re, una certa donna, di bellezza insuperabile, abita là effondendo luce sul monte Himalaya. 91. "Una bellezza così suprema non fu vista mai da nessuno in nessun luogo. Accertati chi è quella Dea e prendi possesso di lei, Oh Signore degli asura! 92. "Una gemma fra donne, con braccia squisitamente belle, è lì che illumina tutto ciò che la circonda, Oh Signore dei daitya. Tu dovresti vederla. 93. "Oh Signore, qualsiasi gioiello, pietre preziose, elefanti, cavalli ed qualsiasi cosa c'è nei tre mondi, tutto ciò ora è in casa tua. 94. "Airavata, gemma fra gli elefanti, è stato portato via da Indra e così anche questo albero di Parijata ed il cavallo Uccaihsravas. 95. "Qui sta nel Tuo cortile il carro meraviglioso portato dai cigni, una gemma meravigliosa (della sua classe). È stato portato qui da Brahma a chi originalmente appartiene. 96. "Ecco il tesoro chiamato Mahapadma portato dal Dio della ricchezza. E l'oceano diede una ghirlanda chiamata Kinjalkini fatta da fiori di loto inalterabili. 97. 'In casa Tua sta l'ombrello d'oro di Varuna. Ed ecco il carro eccellente che era precedentemente di Prajapati. 98. Da Te, Oh Signore, l'arma di potere della Morte chiamata Utkrantida è stata portata via. Il cappio del re degli oceani è fra i possedimenti di Tuo fratello. 99. "Nishumbha ha ogni tipo di gemma prodotta nel mare. Il Dio del Fuoco gli diede anche due indumenti che sono purificati dal fuoco. 100. "Così, Oh Signore degli asura, tutte le gemme sono state portate da Te. Perché questa bella signora-gioiello non è afferrata da Te?". Disse il Rishi: 101-102. Sentendo queste parole da Chanda e Munda, Shumbha spedì Sugriva il grande asura come messaggero alla Devi. Lui disse: 103. "Vai e dille questo con mie parole e fai la cosa in tale maniera che lei possa venire rapidamente a me in amore." 104. Lui andò là dove stava la Devi, in un posto molto bello sulla montagna e le parlò con parole dolci e graziose. Il messaggero disse: 105-106. "Oh Devi, Shumbha, signore degli asura è il sovrano supremo dei tre mondi. Spedito da lui come messaggero, io sono venuto qui alla Tua presenza. 107. 'Presta attenzione a quello che è stato detto da lui al quale comando nessuno fra i deva ha mai resistito e che ha vinto tutti i nemici degli asura: 108. '(Lui dice), "Tutti i tre mondi sono miei ed i deva sono obbedienti a me. Io godo di tutte le loro lepri date in sacrificio. 109-110. "Tutte le gemme di prima qualità nei tre mondi sono di mio possesso; e così come la gemma tra gli elefanti, Airavata, il veicolo del re dei deva, portato via da me. I deva stessi offrirono a me con saluti quella gemma tra i cavalli chiamato Uccaisravas che sorse dal mescolamento dell'oceano di latte. 111. "Oh bella signora, qualsiasi altro oggetto raro esisteva fra i deva, i gandharva e naga ora è mio. 112. "Noi ti reputiamo, Oh Devi, come il gioiello fra le donne nel mondo. Tu che sei così, vieni con me, siccome noi godiamo dei migliori oggetti. 113. "Prendi ciò che vuoi da me o dal mio più giovane fratello Nishumbha dalla grande prodezza, Oh signora dagli occhi traballanti, perchè tu sei in verità un gioiello. 114. "Ricchezza, grande ed oltre ogni paragone, Tu otterrai sposandomi. Pensa a questo nella Tua mente, e diventa mia moglie". ' disse Il Rishi: 115-116. Così detto, Durga l'adorabile e di lieto auspicio, da cui questo universo è sostenuto, poi divenne serena e disse queste parole al messaggero. Disse la Devi: 117-118. "Tu hai parlato in verità; nulla di falso è stato emesso da te in questa questione. Shumbha è davvero il sovrano dei tre mondi e similmente lo è anche Nishumbha. 119. "Ma in questa questione, come può ciò che è stato promesso essere reso falso? Senti che promessa avevo già fatto con un po' di stupidità. 120. "Colui che mi conquista in battaglia, rimuove il mio orgoglio ed è mio pari ed è forza nel mondo, sarà mio marito." 121. "Così lascia che Shumbha venga qui, o Nishumbha il grande asura. Vincendomi qui, gli permetterò presto di prendere la mia mano in matrimonio. Perché rimandare?". Il messaggero disse: 122-123. 'Oh Devi, Tu sei altezzosa. Non parlare così di fronte a me. Quali uomini nei tre mondi staranno in piedi di fronte a Shumbha e Nishumbha? 124. 'Tutti i deva, in verità, non possono sostenere un faccia a faccia in battaglia neanche con altri asura. Perché menzionare te, Oh Devi, una sola donna? 125. "Indra e tutti gli altri deva non potevano stare in piedi in battaglia contro Shumbha e gli altri demoni, come potrai tu, una donna, affrontarli? 126. "Sulla mia stessa parola, vai da Shumbha e Nishumbha. Permetti di non andare da loro con la Tua dignità persa, trascinata dai capelli.". disse la Devi: 127-128. "Sì, lo è; Shumbha è forte e così anche Nishumbha è molto eroico! Cosa posso fare se tempo fa ho preso il mio strano voto? 129. "Ritorna, e dì attentamente al signore degli asura tutto ciò che ho detto; permettigli di fare qualunque cosa lui considera corretto.". Qui finisce il quinto capitolo chiamato "la conversazione della Devi col messaggero" del Devi-mahatmya dal Markandeya Purana durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 6: L'Uccisione di Dhumralochana Disse il Rishi: 1-2. Il messaggero, pieno di indignazione al sentire le parole della Devi, ritornò e riferì il colloquio in dettaglio al re dei daitya. 3-4. Poi il monarca degli asura, adirato al sentire quel rapporto dal suo messaggero, disse a Dhumralocana, un capo di una tribù dei daitya: "Oh Dhumralochana, affrettati insieme col tuo esercito e porta qui con la forza quella bisbetica, tormentala trascinandola per i capelli. 5. "O se qualcun'altro si erge come suo salvatore, lascia che sia ucciso, sia lui un dio, un yaksa o un gandharva!". Disse Il Rishi: 6-7. Poi l'asura Dhumralochana, comandato così da Shumbha se ne andò rapidamente, accompagnato da sessantamila asura. 8. Al vedere la Devi che stava sulla montagna nevosa, lui chiese ad alta voce a lei: "Vieni al cospetto di Shumbha e Nishumbha. 9. "Se Tu ora non andrai dal mio signore con piacere, ti prenderò con la forza e ti tormenterò trascinandoti per i capelli!". La Devi disse: 10-11. "Tu sei mandato dal signore degli asura, possente ed accompagnato da un esercito. Se tu così mi prendi con la forza allora cosa posso fare a te?".
Disse Il Rishi: 12-13. Così detto, l'asura Dhumralochana corse verso di lei e quindi Ambika lo ridusse in cenere con il solo sforzo del suono 'om'. 14. Poi il grande esercito di asura fu irritato e fece piovvere su Ambika frecce acute, giavellotti, ed asce. 15. Poi il leone, veicolo della Devi, scuotendo la sua criniera con rabbia e facendo il ruggito più terrificante, precipitò sull'esercito degli asura. 16. Degli asura, furono macellati con un colpo della sua zampa anteriore, altri dalla sua bocca ed altri grandi asura calpestati dalle sue zampe posteriori. 17. Il leone, coi suoi artigli, strappò via i cuori di alcuni e troncò teste con un colpo della zampa. 18. E troncò braccia e teste ad altri asura, e scuotendo la sua criniera bevve il sangue dai cuori di altri. 19. In un momento tutto quell'esercito fu distrutto da quel leone euforico e molto adirato che portava la Devi. 20-21. Quando Shumbha, il signore degli asura, sentì che Dhumralocana era stato ucciso dalla Devi e che tutto il suo esercito era stato distrutto dal leone della Devi, si infuriò, il suo labbro vibrò e lui comandò ai due possenti Chanda e Munda: 22-23. "Oh Chanda, Oh Munda, andate là con grandi forze, e portatela velocemente qui trascinandola per i suoi capelli o legandola. Ma se avete qualche dubbio facendo questo, allora lasciate che gli asura la colpiscano in battaglia con tutte le loro armi. 24. "Quando quella bisbetica è ferita ed il suo leone abbattuto, afferrate quell'Ambika, legatela e portatela rapidamente!". Qui finisce il sesto capitolo chiamato "L'Uccisione di Dhumralochana" della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 7: L'uccisione di Chanda e Munda Disse il Rishi: 1-2. Poi al suo comando gli asura, completamente armati, e con Chanda e Munda alla loro testa, marciarono in ordine quadruplo. 3. Videro la Devi, sorrideva dolcemente, seduta sul leone su una enorme vetta dorata delle grandi montagne. 4. Sul vederla, alcuni di loro si eccitarono, e fecero lo sforzo di catturarla, ed altri si avvicinarono, coi loro archi curvati e spade sguainate. 5. Quindi Ambika si arrabbiò terribilmente con quei nemici, e poi nella sua rabbia la sua espressione divenne scura come inchiostro. 6. Fuori dalla superficie della sua fronte, fiera con ciglia aggrottate, fece uscire improvvisamente Kali di espressione terribile, armata con una spada e un cappio. 7-9. Portando le strane cose fatte di crani, decorata con una ghirlanda di crani, vestita con una pelle di tigre, dovendo molto atterrire con la sua carne emaciata, con la bocca aperta, terribile con la sua lingua che pende fuori, avendo profondi e affossati occhi rossastri e riempiendo le regioni del cielo coi suoi ruggiti, e precipitando impetuosamente e macellando i grandi asura di quell'esercito, lei divorò quelle orde di nemici dei deva. 10. Afferrando gli elefanti con una mano li gettò nella sua bocca insieme coi loro uomini di retro e conducenti ed i loro guerrieri e campane. 11. Prendendo similmente nella sua bocca la cavalleria coi cavalli, ed il carro col suo conducente, li abbatte più spaventosamente coi suoi denti. 12. Lei ne afferrò uno dai capelli ed un altro dal collo; uno lo ha schiacciato con il peso del piede, ed un altro con il peso del suo corpo. 13. E lei prese con la sua bocca le grandi armate e le armi sparate da quegli asura e li schiacciò coi denti nella sua furia. 14. Lei distrusse tutte quelle orde di possenti e malvagi asura, ne divorò alcuni e ne batté altri. 15. Alcuni furono uccisi con la sua parola, alcuni furono colpiti con il cranio, e altri asura incontrarono la loro morte essendo macinati con l'orlo dei suoi denti. 16. Nel vedere tutti le schiere di asura abbattuti in un momento, Chanda corse contro quella Kali che era estremamente terribile. 17. Il grande asura (Chanda) con terribili piogge di frecce, e Munda con dischi lanciati a migliaia coprirono la Devi dagli occhi terribili. 18. Quei numerosi dischi, scomparendo nella sua bocca, sembrarono tanti globi solari che scompaiono nel mezzo di una nube. 19. Intanto Kali, che stava ruggendo spaventosamente, i cui denti terribili stavano brillando all'interno della sua terribile bocca, rise terribilmente con grande furia. 20. Poi la Devi, montando sul suo grande leone, corse da Chanda ed afferrandolo dai suoi capelli, troncò la sua testa con la sua spada. 21. Vedendo Chanda abbattuto, anche Munda corse verso di lei. Lei l'abbatté a terra colpendolo con la sua spada nella sua furia. 22. Vedendo abbattuti i più coraggiosi Chanda e Munda l'esercito rimanente si spaventò e fuggì in tutte le direzioni. 23. E Kali, tenendo le teste di Chanda e Munda nelle sue mani, si avvicinò a Chandika e, con parole mescolate ad una risata molto forte, disse: 24. "Qui ti ho portato le teste di Chanda e Munda come due grandi offerte animali in questo sacrificio di battaglia; Shumbha e Nishumbha puoi ucciderli tu!". Disse Il Rishi: 25-27. Quindi vedendo quegli asura, Chanda e Munda, portati a lei, la Chandika di lieto auspicio disse a Kali queste parole allegre: "Poiché mi hai portato Chanda e Munda, Tu Oh Devi, sarai famosa nel mondo con il nome di Chamunda. Qui finisce il settimo capitolo chiamato 'L'uccisione di Chanda e Munda della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 8: L'Uccisione di Raktabija Disse il Rishi:
1-3. Dopo che il daitya Chanda fu ucciso e che Munda fu abbattuto, e molti dei battaglioni furono distrutti, il signore degli asura, Shumbha, mezzo sopraffatto dalla rabbia, comandò poi la mobilitazione di tutti le schiere dei daitya:
4. "Ora lascia che gli ottantasei asura, innalzino le loro armi con tutte le loro forze, e gli ottantaquattro Kambus, circondati dalle loro proprie armate vadano fuori.
5. "Lascia che le cinquanta famiglie asura di Kotivirya e le cento famiglie di Dhaumra vadano avanti al mio comando.
6. "Lascia che gli asura Kalaka, Daurhrda, Maurya e Kalakeya si affrettano al mio comando e che marcino avanti pronti per la battaglia!".
7. Dopo aver dato questi ordini, Shumbha, il signore degli asura ed un feroce re andarono avanti, accompagnati da molte migliaia di grandi armate.
8. Vedendo che quel terribile esercito stava arrivando, Chandika riempì lo spazio tra la terra ed il cielo col suono metallico della corda del suo arco.
9. Nel frattempo il suo leone fece un ruggito molto forte, Oh Re, ed Ambika ingrandì quei ruggiti con l'echeggiare della campana.
10. Kali, espandendo la sua bocca e riempiendo ogni direzione col suono (Om), sommerse i rumori della corda del suo arco, della campana e del leone dai suoi ruggiti terrificanti.
11. Nel sentire quel boato i battaglioni di asura adirati circondarono il leone, la Devi (Chandika) e Kali su tutti i quattro lati.
12-13. A questo punto, Oh Re, per annichilire i nemici dei deva e per il benessere dei supremi deva, là scaturirono, dotate di grande vigore e forza, alcune Shakti dai corpi di Brahma, Shiva, Guha, Vishnu ed Indra, e con la forma di quei deva andarono da Chandika.
14. Qualunque fosse la forma di ogni deva, qualsiasi fossero i suoi ornamenti e veicolo, ogni Shakti avanzò per lottare con gli asura.
15. In un carro paradisiaco portato da cigni la Shakti di Brahma che porta un rosario e un Kamandal (brocca per l'acqua) avanzò. Lei è chiamata Brahmani.
16. Maheshvari arrivò, seduta su un toro, tenendo un'eccellente tridente, portando braccialetti di grandi serpenti ed adornata con la falce della luna.
17. Ambika Kaumari, nella forma di Guha che tiene una lancia in mano e cavalca su un bellissimo pavone, avanzò per attaccare gli asura.
18. Similmente arrivò la Shakti di Vishnu, seduta su Garuda, tenendo la conchiglia, il bastone, l'arco e la spada in mano.
19. Anche la Shakti di Hari, che prese la forma incomparabile di un cinghiale sacrificale, avanzò.
20. Narasimhi arrivò là, prendendo un corpo come quello di Narasimha, abbattendo le costellazioni con una scrollata della sua criniera.
21. Similmente Aindri dai mille occhi, tenendo un fulmine in mano e cavalcando sul signore degli elefanti arrivò come Sakra (Indra).
22. Poi Shiva, circondato da quelle shakti (emanazioni) dei deva, disse a Chandika, "Lascia che gli asura siano uccisi immediatamente da Lei per la mia gratificazione."
23. Quindi dal corpo di Devi uscì fuori la Shakti di Chandika, più terrificante, molto fiera e gridando come cento sciacalli.
24. E quell'invincibile (Shakti) disse a Shiva, dai scuri capelli intrecciati: "Vai, mio signore, come ambasciatore alla presenza di Shumbha e Nishumbha.
25. "Dì questo ai due altezzosi asura e agli altri asura là assemblati per la battaglia.
26. "Lasciate che Indra ottenga i tre mondi e lasciate che i deva godano delle oblazioni sacrificali. Voi andate al mondo inferiore, se desiderate vivere.
27. "Ma se attraverso l'orgoglio di potere siete ansiosi di andare in battaglia, venite dunque. Lasciate che i miei sciacalli siano saziati con la vostra carne!".
28. Perciò la Devi che da allora nominò Shiva stesso come ambasciatore divenne rinomata in questo mondo come Shivaduti.
29. Quei grandi asura, dalla loro parte, sentendo le parole della Devi comunicate a Shiva, furono riempiti di indignazione ed andarono dove stava Katyayani.
30. Poi all'inizio gli adirati nemici dei deva versarono davanti alla Devi piogge di frecce, giavellotti e lance.
31. E facilmente, con le enormi frecce scagliate dal suo arco, lei spaccò quelle frecce, lance, dardi ed asce lanciate da loro.
32. Poi, di fronte a lui (Shumbha), avanzò impettita Kali, facendo i nemici a pezzi con la sua lancia e schiacciandoli con il cranio che teneva in mano.
33. E Brahmani, dovunque si mosse, privò i nemici del valore e della prodezza spruzzando su loro l'acqua del suo Kamandal.
34. Maheshvari molto adirata uccise i daitya col suo tridente, e Vaisnavi, col suo disco e Kaumari, col suo giavellotto.
35. Lacerati a pezzi dal fulmine che viene giù su di loro, lanciato da Aindri, i daitya ed i danava furono abbattuti a centinaia, ruscelli di sangue sgorgavano dai loro corpi.
36. Fracassati dalla dea a forma di cinghiale (Varahi) con un soffio del suo naso, feriti nei loro toraci dalla punta della sua zanna e lacerati dal suo disco, (gli asura) caddero.
37. Narasimhi, riempiendo tutte le direzioni ed il cielo coi suoi ruggiti, vagabondava nella battaglia divorando altri grandi asura lacerati dai suoi artigli.
38. Demoralizzati dalla risata violenta di Shivaduti, gli asura caddero a terra; allora lei divorò chi era caduto.
39. Vedendo l'adirata schiera di Matr che schiacciava i grandi asura in vari modi, le truppe dei nemici dei deva fuggirono.
40. Vedendo gli asura molestati dalla schiera di Matr che si davano alla fuga, il grande asura Raktabija, in collera, avanzò a grandi passi per lottare.
41. Ogni qualvolta dal suo corpo precipitava al suolo una goccia di sangue subito si alzavano dalla terra asura della sua statura.
42. I grandi asura lottarono con la shakti di Indra con bastoni nella mano; poi anche Aindri colpì Raktabija col suo fulmine.
43. Il sangue fluì rapidamente e profusamente da lui che fu ferito dal fulmine. Dal sangue si ersero (freschi) combattenti della sua forma e valore.
44. Come molte gocce di sangue caddero dal suo corpo, così molte persone si ersero, col suo coraggio, forza e valore.
45. E quelle persone nate dal suo sangue lottarono con le Matr in una maniera ancora più terribile, lanciando le armi più formidabili.
46. E di nuovo quando la sua testa fu ferita dalla caduta del suo fulmine, il suo sangue fluì e da lì nacquero persone a migliaia.
47. Vaisnavi lo colpì col suo disco nella battaglia, Aindri colpì quel signore degli asura col suo bastone.
48. Il mondo fu invaso da migliaia di grandi asura che erano della sua stessa statura e che sorsero dal sangue che era fluito da lui quando fu ferito dal disco di Vaisnavi.
49. Kaumari colpì il grande asura Raktabija con la sua lancia, Varahi con la sua spada e Mahesvari col suo tridente.
50. Ed anche Raktabija, il grande asura, pieno di collera, colpì separatamente ognuno delle Matr col suo bastone.
51. Dal ruscello di sangue che cadde a terra quando ricevette ferite multiple dalle lance, dardi e le altre armi, nacquero centinaia di asura.
52. E quegli asura nati dal sangue di Raktabija pervasero il mondo intero; Osservando ciò i deva furono intensamente allarmati.
53-54. Vedendo i deva demoralizzati, Chandika rise e disse a Kali, "O Chamunda, spalanca bene la tua bocca; con questa bocca rapidamente prendi le gocce di sangue generate dal colpo della mia arma e (anche) i grandi asura nati dalle gocce di sangue di Raktabija.
55. "Vai nel campo di battaglia, divorando i grandi asura che sgorgano da lui. Così possano questi daitya, con il loro sangue vuotato, perire.
56. "Se tu continui a divorarli, non potranno nascere altri fieri asura!". Avendola comandata così, la Devi allora lo ferì col suo dardo.
57. Poi Kali bevve il sangue di Raktabija con la sua bocca. Poi lui colpì Chandika col suo bastone.
58-60. Il colpo del suo bastone non le provocò alcun dolore. E dal suo corpo colpito il sangue fluì copiosamente dovunque ma Chamunda l'ingoiò con la sua bocca. Chamunda divorò quei grandi asura che saltarono fuori dal flusso di sangue nella sua bocca, e bevve il sangue di Raktabija.
61. La Devi (Kausiki) ferì Raktabija con il suo dardo, il fulmine, le frecce, le spade, e le lance, mentre Chamunda continuò a bere il suo sangue.
62. Colpito con una moltitudine di armi e senza sangue, il grande asura (Raktabija) cadde a terra, Oh Re.
63. Quindi i deva raggiunsero grande gioia, Oh Re. Il gruppo di Matr che derivavano da loro ballarono inebriate dal sangue. Qui finisce l'ottavo capitolo chiamato "L'uccisione di Raktabija" della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni il Manu.

CAPITOLO 9: L'Uccisione di Nishumbha Il re (Suratha) disse:
1-3. "E' meraviglioso che Lei, adorabile signore, mi abbia riferito della grandezza dell'atto della Devi nell'uccidere Raktabija. Io desidero sentire ulteriormente quello che facevano i molto adirati Shumbha e Nishumbha dopo che Raktabija fu ucciso." Il Rishi disse:
4-5. Dopo che Raktabija e gli altri asura furono uccisi nella lotta, Shumbha e Nishumbha andarono in una collera sconfinata.
6. Irritato nel vedere il suo grande esercito battuto, Nishumbha corse allora in avanti con i principali eserciti degli asura.
7. Di fronte a lui, dietro e su ambo i lati c'erano grandi asura, adirati e mordendosi le labbra, avanzarono per uccidere la Devi.
8. Anche Shumbha, possente in valore, andò avanti, adirato circondò con le sue truppe Chandika per ucciderla dopo che aveva lottato insieme alle Matr.
9. Un duro combattimento è poi cominciato tra la Devi da un lato e Shumbha e Nishumbha dall'altro che, come due nuvole tuonanti, lanciarono la più tempestosa pioggia di frecce su di lei.
10. Chandika con numerose frecce divise rapidamente le frecce lanciate dai due asura e colpì i due signori degli asura sui loro arti con tutte le sue armi.
11. Nishumbha, impugnando una spada affilata ed un brillante scudo, colpì il leone, il grande veicolo della Devi, sulla testa.
12. Quando il suo veicolo fu colpito, la Devi recise rapidamente la superba spada di Nishumbha con una freccia molto affilata ed anche il suo scudo sul quale erano disegnate otto lune.
13. Quando il suo scudo fu spaccato e la sua spada rotto, l'asura lanciò la sua lancia; ed anche quel missile, come avanzò verso lei, fu diviso in due dal suo disco.
14. Poi il danava Nishumbha, gonfiandosi di collera, afferrò un dardo; ed anche quello, appena arrivò, la Devi lo polverizzò con un colpo del suo pugno.
15. Brandendo poi il suo bastone, lui lo lanciò contro Chandika; spaccato dal tridente della Devi, anche quello si ridusse in cenere.
16. Poi la Devi assalì l'eroico danava che avanzava con un'ascia da battaglia in mano, e lo stese a terra.
17. Quando suo fratello Nishumbha dalla prodezza terrificante precipitò a terra, (Shumbha) fu estremamente infuriato, ed avanzò per uccidere Ambika.
18. Stando in piedi nel suo carro e possedendo armi eccellenti nelle sue lunghe ed incomparabili otto braccia, lui splendeva pervadendo il cielo intero.
19. Vedendolo avvicinare, la Devi soffiò nella sua conchiglia, e fece un suono metallico con la corda del suo arco che fu estremamente insopportabile.
20. E (la Devi) riempì tutte le direzioni col tintinnio della sua campana che distrugge la forza di tutte le schiere di daitya.
21. Il leone riempì il cielo, la terra e le dieci direzioni del cielo con ruggiti così forti che fecero abbandonare agli elefanti il loro passo violento.
22. Poi Kali, saltando nel cielo verso l'alto (venne in giù) e colpì la terra con ambo le mani; tutti i suoni precedenti furono affogati dal suo rumore.
23. Shivaduti fece una forte di risata di malaugurio, gli asura furono spaventati da quei suoni, e Shumbha cadde in un'ira estrema.
24. Come Ambika disse, "Oh malvagio, fermati, fermati", i deva collocati nel cielo la consolarono con le parole, "Sii vittoriosa!".
25. La lancia scagliata da Shumbha, fiammeggiando ancora più terribilmente e splendente come una massa di fuoco, si stava avvicinando ma fu messa fuori uso dalla Devi con un grande tizzone ardente.
26. Lo spazio tra i tre mondi fu pervaso dal ruggito simile ad un leone di Shumbha, ma fu soffocato dal tuono terribile della Devi, Oh Re.
27. La Devi divise le frecce sparate da Shumbha, ed anche Shumbha divise le frecce lanciate da lei, ognuno con le sue frecce acuminate a centinaio e migliaia.
28. Poi Chandika si arrabbiò e lo colpì con un tridente. Perciò ferito, lui svenne e precipitò a terra.
29. Poi Nishumbha, riguadagnando coscienza afferrò il suo arco e colpì con frecce la Devi, Kali ed il leone.
30. Ed il signore dei danuja, il figlio di Diti, tirando fuori innumerevoli armi, coprì Chandika con una miriade di dischi.
31. Allora Bhagavati Durga, la distruttrice delle difficoltà e delle afflizioni si arrabbiò e ruppe quei dischi e quelle frecce con le sue proprie frecce.
32. Quindi Nishumbha, circondato dalle armate di daitya, afferrando rapidamente il suo bastone, corse verso Chandika per ucciderla.
33. Come lui stava correndo verso di lei, Chandika distrusse il suo bastone con la sua spada affilata; e lei prese un dardo. 34. Come Nishumbha, l'afflittore dei deva, stava avanzando col dardo in mano, Chandika lo ferì al cuore lanciando rapidamente il suo dardo.
35. Dal cuore di Nishumbha, ferito dal dardo, uscì fuori un'altra persona di grande forza e valore esclamando (alla Devi) "Fermati!".
36. Poi la Devi, ridendo ad alta voce, troncò la sua testa con la spada mentre stava uscendo dal cuore. Quindi lui precipitò a terra.
37. Il leone divorò poi quegli asura cui aveva spezzato il collo coi suoi denti, e Kali e Shivaduti ne divorarono altri.
38. Dei grandi asura perirono colpiti dalla lancia di Kaumari. Altri furono respinti dallo spruzzo dell'acqua purificata dall'incantesimo di Brahmani.
39. Altri caddero colpiti da un tridente maneggiato da Mahesvari; alcuni furono polverizzati a terra dai colpi del muso di Varahi.
40. Dei danava furono tagliati a pezzi dal disco di Vaisnavi, ed altri di nuovo dal fulmine uscito dal palmo di Aindri.
41. Degli asura perirono, alcuni fuggirono dalla grande battaglia, ed altri furono divorati da Kali, Shivaduti ed il leone. Qui finisce il nono capitolo chiamato "l'Uccisione di Nishumbha" della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 10: L'Uccisione di Shumbha Disse il Rishi:
1-3. Vedendo suo fratello Nishumbha ucciso, caro a lui come la sua vita, ed il suo esercito battuto, Shumbha arrabbiato disse: "Oh Durga gonfiata dalla forza della tua fierezza, non mostrare il tuo orgoglio (qui). Benché tu sia esageratamente altezzosa, Tu, che ricorri alla forza di altri, combatti!".
La Devi disse:
4-5. "Sono qui nel mondo tutta da sola. Chi altro sta con me? Vedi, Oh vile, queste Dee, che non sono altro che i miei propri poteri, entreranno in me stessa!"
6. Poi tutte, Brahmani ed il resto furono assorbite nel corpo della Devi. Ambika così rimase da sola.
La Devi disse:
7-8. "Le numerose forme che qui proiettai con il mio potere sono state riassorbite da me, ed ora sto qui da sola. Sii tenace in combattimento." Disse Il Rishi:
9-10. Poi cominciò una battaglia terribile tra loro due, la Devi e Shumbha, mentre tutti i deva e gli asura stavano guardando.
11. Con piogge di frecce, con armi affilate e missili spaventosi i due presero parte di nuovo in un combattimento che spaventò tutti i mondi.
12. Poi il signore dei daitya ruppe i missili divini che Ambika lanciava a centinaia con armi che li respingevano.
13. Con fiere grida di om e mantra simili, Paramesvari ruppe allegramente gli eccellenti missili che lui lanciava.
14. Poi l'asura coprì la Devi con centinaia di frecce, e la Devi in collera con le sue frecce spaccò il suo arco.
15. E quando l'arco fu rotto il signore del daitya prese la sua lancia. Con un disco, la Devi spezzò anche la lancia che teneva in mano.
16. Di seguito il monarca supremo dei daitya, prendendo la sua spada brillante come il sole ed il lucente scudo con le immagini di cento lune, corse verso la Devi in quello stesso momento.
17. Nel momento in cui lui stava correndo in avanti, Chandika spezzò la sua spada con frecce acuminate scoccate dal suo arco, così come il suo scudo brillante come i raggi solari.
18. Col suo arco rotto, coi suoi destrieri uccisi, senza un auriga, il daitya prese poi la sua terribile mazza pronto ad uccidere Ambika.
19. Con frecce acuminate, lei ruppe la mazza di Shumbha che stava correndo verso di lei. Anche allora, alzando il suo pugno, lui corse rapidamente verso di lei.
20. Il re dei daitya batté il suo pugno sul cuore della Devi, ed anche la Devi con il suo palmo lo colpì sul torace.
21. Il re dei daitya, ferito dal colpo del suo palmo precipitò a terra, ma lui si rialzò immediatamente di nuovo.
22. Afferrando la Devi, saltò e salì in alto nel cielo. Anche Chandika, senza alcun appoggio sotto ai piedi, lottò con lui.
23. Allora il daitya (Shumbha) e Chandika combatterono come mai prima, l'un contro l'altro nel cielo, in stretto contatto, sorprendendo i Siddha ed i saggi.
24. Ambika poi, dopo aver combattuto a lungo con lui, l'alzò su, lo rigirò e lo fece volare a terra.
25. Volando in questo modo, il malvagio Shumbha giunse a terra e, alzando il suo pugno, in fretta corse avanti desiderando di uccidere Chandika.
26. Vedendo quel signore di tutto il popolo dei daitya avvicinarsi, la Devi, ferendolo sul torace con un dardo, lo gettò giù a terra.
27. Ferito dal dardo appuntito della Devi lui cadde esanime al suolo, scuotendo l'intero pianeta coi suoi mari, isole e montagne.
28. Quando quel malvagio (asura) fu ucciso, l'universo divenne felice e riguadagnò la pace perfetta, ed il cielo si illuminò.
29. Le nubi fiammeggianti che prima troneggiavano divennero tranquille, ed i fiumi tornarono ai loro corsi quando (Shumbha) laggiù fu colpito.
30. Quando egli fu ucciso, le menti di tutti i deva divennero felicissime, ed i Gandharva cantarono piacevolmente.
31-32. Altri suonarono (i loro strumenti), e le ninfe ballarono; venti favorevoli soffiarono; il sole divenne molto brillante; i fuochi sacri arsero pacatamente e tranquilli divennero i suoni strani che erano sorti da diverse direzioni. Qui finisce il decimo capitolo chiamato "L'Uccisione di Shumbha" della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni il Manu.

CAPITOLO 11: Inno a Narayani Disse il Rishi:
1-2. Quando il grande signore degli asura fu ucciso dalla Devi, Indra e gli altri deva, condotti da Agni, con i loro bisogni soddisfatti e con le loro faccie allegre che illuminano tutto intorno, lodarono Lei, Katyayani: I deva dissero:
3. "Oh Devi, Tu che rimuovi le sofferenze dei tuoi supplicanti, sii benevola. Sii propizia, Oh Madre del mondo intero. Sii benevola, Oh Madre dell'universo. Proteggi l'universo. Tu sei, Oh Devi, la sovrana di tutto ciò che si muove ed è immobile.
4. "Tu sei l'unico substrato del mondo, perché Tu esisti nella forma della terra. Da Te, che esisti nella forma dell'acqua, tutto questo universo è gratificato, Oh Devi di valore inviolabile!
5. "Tu sei il potere di Vishnu, e hai valore senza fine. Tu sei la maya (illusione) primordiale che è la fonte dell'universo; da Te tuttol'universo è stato gettato nell'illusione. Oh Devi. Se diventi benevola, divieni la causa della finale emancipazione in questo mondo.
6. "Tutti gli uomini sono tuoi aspetti, Oh Devi; così come tutte le donne nel mondo, forniti da te con vari attributi. Da Te sola, la Madre, questo mondo è riempito. Quale degno encomio ci può essere per Te che sei l'espressione primaria e secondaria della natura?
7. "Quando Tu sei stata lodata come l'incarnazione di tutti gli esseri, la Devi (la splendente), ed elargitrice del godimento e della liberazione, quali parole, comunque eccellenti, possono lodarti?
8. "Saluti a Te, Oh Devi Narayani, Tu che risiedi come intelligenza nei cuori di tutte le creature, e dai godimento e liberazione.
9. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che, nella forma dei minuti, dei momenti e delle altre divisioni di tempo, provochi il cambiamento nelle cose, e hai (così) il potere di distruggere l'universo.
10. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che sei il buono di tutte le bontà, Oh Devi di lieto auspicio, che realizzi ogni cosa, la datrice di rifugio, Oh Gauri dai tre occhi!
11. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che hai il potere della creazione, del sostenimento e della distruzione e che sei eterna. Tu sei il substrato e l'incarnazione dei tre guna.
12. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che sei intenta a salvare l'abbattuto e l'angosciato che prende rifugio in Te. Oh Tu, Devi che rimuovi le sofferenze di tutti!
13. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che viaggi nel carro paradisiaco portato da cigni e che assumi la forma di Brahmani, Oh Devi che spruzzi acqua con l'erba di Kusa.
14. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che porti il tridente, la luna ed il serpente, e cavalchi un grande toro, e che hai la forma di Mahesvari.
15. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che sei assistita dal pavone e dal gallo, e che porti una grande lancia. Oh Tu che sei innocente e prendi la forma di Kaumari.
16. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che porti le grandi armi come la conchiglia, il disco, il bastone e l'arco, e prendi la forma di Vaisnavi, sii benevola.
17. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che porti un formidabile ed enorme disco, e sollevi la Terra con la tua zanna, Oh Devi di lieto auspicio che hai la forma di un cinghiale.
18. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che, nella forma fiera di un uomo-leone, metti tutti i tuoi sforzi per sconfiggere i daitya, Oh Tu che possiedi la benevolenza di salvare i tre mondi.
19. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che hai un diadema ed un grande fulmine, che abbagli con mille occhi, e che portasti via la vita di Vrtra, Oh Aindri!
20. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che nella forma di Shivaduti sconfiggesti i possenti eserciti del daitya, Oh Tu di forma terribile e voce possente!
21. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che hai una faccia terribile con zanne, e che sei adornata con una ghirlanda di teste, Chamunda, Oh uccisore di Munda!
22. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che sei la buona fortuna, la modestia, la grande saggezza, la fede, il nutrimento e Svadha, Oh Tu che sei inamovibile, Oh Tu che sei la grande notte e la grande Illusione.
23. "Saluti a Te, Oh Narayani, Tu che sei intelligenza e Sarasvati, la migliore, la prosperità, la consorte di Vishnu, la scura, la natura, sii benevola.
24. "Oh Regina di tutti, Tu che esisti nella forma di tutti, e possiedi ogni forza, ci salvaci dall'errore, Oh Devi. Saluti a Te, Devi Durga!
25. "Possa questa Tua espressione benigna adornata con tre occhi, proteggerci da tutte le paure. Saluti a Te, Oh Katyayani!
26. "Terribile con fiamme, distruttrice di tutti gli asura, il Tuo tridente ci protegga dalla paura. Saluti a Te, Oh Bhadrakali!
27. "Possa la Tua campana che riempie il mondo col suo tintinnio, e distrugge la prodezza dei daitya, proteggerci, Oh Devi come una madre protegge i suoi bambini, da ogni male.
28. "Possa la Tua spada, imbrattata con una melma di sangue e grasso degli asura e con raggi lucenti, essere per il nostro benessere, Oh Chandika ci inchiniamo a Te.
29. "Quando sei soddisfatta, Tu distruggi ogni malattia, ma quando sei adirata Tu rendi vane ogni brama di desideri. Nessuna calamità succede agli uomini che ti hanno ricercato. Quelli che ti hanno ricercato diventano veramente un rifugio per gli altri.
30. "E questo massacro che Tu, Oh Devi, moltiplicando la tua forma in molte altre, hai fatto sui grandi asura che odiano la rettitudine, Oh Ambika, chi altro lo può fare?
31. "Chi è eccetto Te nelle scienze, nelle sacre scritture e nei detti Vedici la luce, la lampada della finezza? (Ancora) Tu fai girare di nuovo e di nuovo questo universo all'interno dell'oscurità densa delle profondità dell'attaccamento.
32. "Dove ci sono rakshasa (demoni) e serpenti con veleno virulento, dove ci sono nemici ed orde di ladri, dove ci sono conflagrazioni nella foresta, là e in mezzo al mare, Tu risiedi, e salvi il mondo.
33. "Oh Regina dell'universo, Tu proteggi l'universo. Come anima dell'universo, Tu sostieni l'universo. Tu sei la Dea degna di essere adorata dal Dio dell'universo. Quelli che a Te si prostrano in devozione diventano il rifugio dell'universo.
34. "Oh Devi, sii lieta e proteggici sempre dalla paura dei nemici, come Tu hai fatto proprio adesso vincendo sugli asura. E distruggi rapidamente i peccati di tutti i mondi e le grandi calamità che sono uscite dal maturare di cattivi indizi.
35. "Oh Devi Tu che rimuovi i dolori dell'universo, sii benevola con noi che ci siamo prostrati a Te. Oh Tu degna dell'adorazione degli abitanti dei tre mondi, sii datrice di benedizioni ai mondi." La Devi disse:
36-37. "Oh Deva, sono pronta a darvi un vantaggio. Scegliete qualsiasi vantaggio desideriate nella vostra mente per il bene del mondo. Io l'accorderò!".
I deva dissero:
38-39. "Oh Regina di tutti, alla stessa maniera devi distruggere tutti i nostri nemici e tutte le afflizioni dei tre mondi. La Devi disse:
40-41. 'Quando la ventottesima età è arrivata durante il periodo di Avaisvsvata Manu, rinasceranno due altri grandi asura, Shumbha e Nishumbha.
42. "Nasceranno dall'utero di Yasoda (la madre di Krishna), nella casa del pastore Nanda, e girando tra le montagne di Vindhya, io li distruggerò entrambi.
43. 'Ed essendo di nuovo incarnati in una forma molto terribile sulla terra, io ucciderò i danava che sono i discendenti di Vipracitti.
44. "Quando divorerò i fieri e grandi asura discendenti di Vipracitti, i miei denti diverranno rossi come il fiore di melograno.
45. "Perciò quando i deva in cielo ed i uomini sulla terra mi lodano, si parlerà sempre di me come quella dai denti rossi.
46. "E di nuovo quando non ci sarà pioggia per un periodo di cento anni, propiziata dai muni (saggi) nascerò sulla terra dominata dalla siccità ma non sarò generata da nessuna madre.
47. "Poi diventerò il muni con cento occhi e così umanità mi glorificherà come il saggio dai cento occhi.
48. "In quel tempo, Oh deva manterrò il mondo intero con vegetali che sostengono la vita, usciti fuori dal mio corpo cosmico, fino a piogge insorte.
49. "Sarò poi famosa sulla terra come Sakambhari. In quel periodo io ucciderò i grandi asura chiamati Durgama.
50-53. "Perciò avrò il nome celebre di Durgadevi e di nuovo, prendendo una forma terribile sulla montagna Himalaya, distruggerò i rakshasa (demoni) per la protezione dei muni (saggi). Poi tutti i muni, inarcando riverentemente i loro corpi, mi loderanno, per cui avrò il nome celebre di Bhimadevi. Quando l'asura chiamato Aruna progetterà la grande devastazione dei tre mondi, prendendo la forma di uno sciame di api, ucciderò il grande asura per il bene del mondo.
54-55. "E poi persone mi loderanno ovunque come Bhramari. Così ogni qualvolta arriveranno i guai per causa dei danava mi incarnerò e distruggerò i nemici." Qui finisce l'undicesimo capitolo chiamato "Inno a Narayani" della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni il Manu.
CAPITOLO 12: Elogio dei Meriti La Devi disse:
1-2. "E chiunque con mente concentrata pregherà su di me con questi inni potrò senza dubbio togliere ogni suo guaio.
3. "E così come quelli che loderanno la storia della distruzione di Madhu e Kaitabha e la sconfitta di Nishumbha.
4-5. "Ed anche a quelli che, con mente concentrata, ascolteranno con devozione questo sublime poema sulla mia grandezza nell'ottavo, nel nono e nel quattordicesimo giorno delle due settimane, a loro nulla di sbagliato accadrà, né calamità che sorgono da atti sbagliati, né povertà e mai avverrà separazione dagli amati.
6. "Lui non sperimenterà la paura dei nemici, o dei ladri, o dei re, o delle armi, del fuoco e delle inondazioni.
7. "Quindi questo poema sulla mia grandezza deve essere cantato da uomini con menti concentrate ed ascoltato sempre con devozione; perciò esso è il corso supremo del benessere.
8. "Possa questo poema sulle mie glorie togliere tutte le calamità epidemiche, come anche le triplici calamità naturali.
9. "Non abbandonerò mai il luogo del mio santuario dove questo poema verrà cantato ogni giorno, là la mia presenza è sicura.
10. "Quando un sacrificio è offerto, durante l'adorazione, nella cerimonia del fuoco ed ad una grande festa, questo poema sui miei atti deve essere cantato e deve essere sentito.
11. "Io accetterò con amore i sacrifici e le adorazioni che saranno compiute, come pure l'offerta al fuoco sacro che è comunque offerta fatta a me, laddove sono fatti con dovuta conoscenza (di sacrificio) o non.
12-13. "Durante la stagione autunnale, quando la grande adorazione annuale è compiuta, l'uomo che ascolta questa mia glorificazione con devozione certamente potrà, attraverso la mia grazia, essere liberato da tutti i guai ed essere benedetto con ricchezza, grano e bambini.
14. "Ascoltando questa glorificazione, i miei aspetti di lieto auspicio, i miei atti di valore, la mia prodezza nelle battaglie, l'uomo diviene senza paura.
15. "Per coloro che ascolteranno questa mia glorificazione i nemici periranno, accumulerà benessere e la famiglia si allieterà .
16. "Lasciate che si ascolti questa glorificazione dappertutto, ad una cerimonia propiziatoria, sognando un incubo e quando c'è una cattiva influenza dei pianeti.
17. "Il malefici si abbassano, come pure l'influenza non favorevole dei pianeti, ed il cattivo sogno visto dagli uomini si tramuta in un buon sogno.
18. "Crea la pace in bambini posseduti dai cattivi spiriti, ed è il miglior promotore dell'amicizia fra gli uomini quando c'è divisione nella loro unione.
19. "Diminuisce efficacemente il potere di tutti gli uomini di cattivi modi. I demoni, spiritelli, ed orchi sono distrutti da questo cantico.
20-30. "Questa glorificazione porta il devoto molto vicino a me. Ed ascoltando anche solo una volta questa santa storia sarà come fare tutte le offerte del bestiame bovino più eccellente, di fiori ed incensi, o di profumi e lampade, offrire cibo ai Brahmana, fare oblazioni, offrire l'acqua consacrata e varie altre offerte e regali, o come fare in un anno le adorazioni giorno e notte. Cantare e sentire la storia delle mie manifestazioni rimuove i peccati, concede salute perfetta e protegge dagli spiriti cattivi; e quando si ascolta la mia impresa marziale dell'uccisione dei cattivi daitya gli uomini non avranno paura dei nemici. E gli inni annunciati da voi, dai saggi divini, e da Brahma fanno diventare la mente pia. Colui che è perduto su una macchia solitaria in una foresta, o è circondato dal fuoco della foresta, o che è circondato da ladri in una landa desolata, o che è catturato da nemici, o che è perseguito da un leone, o tigre, o da elefanti selvatici in una foresta, o che, sotto gli ordini di un re adirato, è condannato a morte, o è stato imprigionato, o che è scaraventato fuori dalla sua barca da una tempesta nel grande mare, o che è nella battaglia più terribile sotto una pioggia di armi, o che è tra i generi di guai più terribili, o che è afflitto con dolore; tale uomo nel ricordare questa mia storia è salvato dalle sue difficoltà. Attraverso il mio potere, leoni, ladri, nemici ecc., fuggono via da colui che ricorda questa mia storia."
Il Rishi disse:
31-32. Avendo così parlato l'adorabile Chandika, fiera in prodezza, svanì improvvisamente anche se i Deva la stavano contemplando.
33. I loro nemici erano stati uccisi, tutti i deva furono anche liberati dalla paura; tutti loro ripresero i propri doveri come prima e parteciparono nelle loro parti di sacrifici.
34-35. Quando i grandi valorosi Shumbha e Nishumbha, i nemici più fieri dei deva, che portarono rovina sul mondo e che erano impareggiabili in prodezza, furono uccisi dalla Devi in battaglia, i daitya rimanenti fuggirono a Patala (ndt: un mondo infernale).
36. Così Oh Re, l'adorabile Devi, anche se eterna, incarnandosi di nuovo e di nuovo, protegge il mondo.
37. Da lei questo universo è ingannato (ndt: poiché é Maya, l'illusione), ed è lei che crea questo universo. E quando è implorata, lei dà conoscenza suprema, e quando è propiziata, lei dà la prosperità.
38. Da lei, Mahakali, che prende la forma della grande distruttrice alla fine del tempo, tutta questa sfera cosmica è pervasa.
39. Lei prende davvero la forma della grande distruttrice al giusto tempo . Lei, la non-nata diviene davvero questa creazione (al tempo corretto per la ricreazione), Lei, l'Essere eterno, sostiene tutti gli esseri.
40. In tempi di prosperità, lei è davvero Lakshmi che dà la prosperità nelle case degli uomini; ed in tempi di sfortuna, lei diviene la dea della sfortuna, e provoca rovina.
41. Quando lodata ed adorata con fiori, incenso profumi, ecc. lei dà ricchezza e figli, ed una mente tendente alla rettitudine e alla vita prospera. Qui finisce il dodicesimo capitolo chiamato "Elogio dei Meriti" della Devi-mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni, il Manu.

CAPITOLO 13: Benedizioni a Suratha e Vaisya Disse il Rishi:
1-2. Io ora ho narrato a te, Oh Re, questo sublime poema sulla gloria della Devi.
3. La Devi è dotato di potere così maestoso. Da lei questo mondo è sostenuto. Similmente la conoscenza è conferita da lei, il potere illusorio di Bhagavan Vishnu.
4. Tu, questo commerciante e gli altri uomini, da Lei sono stati ingannati; ed altri furono ingannati (in passato), e saranno ingannati (nel futuro).
5. Oh grande Re, prendi rifugio in Lei, la suprema Isvari. Lei davvero quando è adorata dà agli uomini il piacere, il paradiso e la liberazione finale (dalla trasmigrazione). Disse Markandeya (al suo discepolo Bhaguri):
6-8. Oh grande saggio, Re Suratha che era divenuto avvilito a conseguenza del suo eccessivo affetto e per la privazione del suo regno, ed il commerciante, avendo sentito questo discorso, si prostrarono di fronte all'illustre Rishi che aveva compiuto severe penitenze ed immediatamente si misero a compiere le austerità.
9. Il Re ed il commerciante per ottenere una visione di Amba (ndt: un altro nome della Devi), si collocarono sulla riva sabbiosa di un fiume e praticarono penitenze, cantando il Devi-sukta supremo (ndt: inno alla Devi).
10. Avendo fatto un'immagine di terra della Devi sulle sabbie del fiume, tutti e due la adorarono con fiori, incenso, fuoco e libagione d'acqua.
11. Astenendosi dal cibo, con le loro menti fisse su di Lei e con concentrazione, offrirono sacrifici spruzzando sangue preso dai loro propri corpi.
12. Quando loro, con menti controllate l'adorarono così per tre anni, Chandika, il sostegno del mondo, fu soddisfatta e parlò loro in forma visibile.
La Devi disse:
13-15. Ciò che volete, Oh Re, e tu, delizia della tua famiglia, riceverete da me. Markandeya disse:
16-17. Allora il Re scelse un regno, imperituro anche in un'altra vita, ed in questa vita stessa, il suo proprio regno che il potere dei suoi nemici aveva distrutto. 18. Poi anche il saggio commerciante la cui mente era piena di passione per il mondo, scelse la conoscenza che rimuove gli attaccamenti (nella forma di) "mio" e "io".
La Devi disse:
19-21. "Oh Re, dopo avere ucciso i tuoi nemici in pochi giorni, otterrai il tuo regno che durerà in eterno.
22-23. ‘E, quando sarai morto, guadagnerai un'altra nascita dal Deva Vivasvat (il Sole), e sarai un Manu sulla terra con il nome di Savarni.
24-25. "Ed a te , Oh migliore tra i commercianti, accordo la benedizione che hai desiderato. La (Suprema) conoscenza sarà tua, per la tua autorealizzazione."
Disse Markandeya:
26-27. Avendo così accordato le benedizioni che avevano desiderato, la Devi scomparve immediatamente mentre la stavano celebrando con devozione.
28-29. Avendo così guadagnato la benedizione dalla Devi, Suratha, il primo degli Kshatriya (ndt: la casta dei guerrieri e dei re), ottenne una nuova nascita attraverso Surya (e sua moglie Savarna), e diventò il Manu (l'ottavo) chiamato Savarni.
Qui finisce il tredicesimo capitolo chiamato "Benedizioni a Suratha e Vaisya" della Devi Mahatmya dal Markandeya Purana, durante il periodo di Savarni, il Manu. Qui finisce la Devi Mahatmya di 700 Mantra.

Tradotto da Govinda Das Aghori